Iliad permette di avere un regalo con la promo da 120GB, ecco quale

Attualmente Iliad dispone di alcune offerte che possono fungere da mattatrici del mercato della telefonia mobile ma non solo. Ricordiamo infatti che qualche mese fa il provider italiano si è lanciato anche nel mondo della telefonia fissa proponendo la sua fibra ottica, la quale viene proposta a 15,99 € al mese per tutti coloro che sono già clienti Iliad. Il prezzo sale a 23,99 € al mese per coloro che invece non risultano clienti, ma si tratta comunque di un prezzo davvero eccezionale visti i contenuti ma soprattutto la velocità massima di 5 gigabit. 

La provo per eccellenza però è quella mobile, con 120 giga e il 5G in regalo con minuti ed SMS senza limiti verso tutti. Il prezzo in questo caso è di 9,99 € al mese per sempre.

 

Iliad: le grane con l’antitrust continuano ma il gestore non ci sta

Una nuova multa da 1,2 milioni di euro sarebbe stata inferta a Iliad dall’Antitrust, che avrebbero avvisato mancanza di trasparenza in merito al 5G. Queste sono alcune delle parole con le quali il gestore intende discolparsi:

Per noi è importante agire sempre con con grande spirito di collaborazione e per questo iliad ha risposto proponendo numerosi impegni volti ad aumentare la visibilità delle informazioni contestate, già presenti sui nostri canali, aggiungendo inoltre la proposta di effettuare un rimborso di 19,98€ a tutti gli utenti che avevano segnalato un problema nell’utilizzo del servizio 5G all’assistenza iliad.

Nonostante la volontà di andare incontro alle richieste ricevute con numerose attività e soluzioni, Agcm ha ritenuto questi impegni non sufficienti per poter chiudere la vertenza.

Si tratta di una decisione molto forte e che pertanto riteniamo ingiustificata, ancor di più perché iliad si interroga seriamente, ogni giorno e in ogni sua azione, su come fare il massimo per essere trasparente, chiara e attenta verso gli utenti .

Una decisione ancor più spiacevole, se si considera che la comunicazione iliad rispetto a copertura e device compatibili con i servizi 5G ci sembra di gran lunga più trasparente rispetto all’attuale standard di comunicazione nel settore.”