Conad è nella bufera, non l’azienda in sè, la quale ha già preso le distanze ed alcuni provvedimenti, ma il punto vendita Conad Superstore di Pescara, in seguito ad un evento che ha avuto un eco incredibile in tutto il paese.

E’ notizia di qualche giorno la denuncia presentata dal sindacato Filcams-Cgil, la quale riportava un audio shock, inviato dalla titolare-direttrice del punto vendita ai propri capireparto via WhatsApp. Questi seguiva il ritrovamento di un assorbente usato all’esterno dei cestini, degli spogliatoi riservati al personale (attenzione, non quelli per il pubblico). Le parole sono fortissime, la stessa afferma di “volere il nome ed il cognome di chi oggi ha il ciclo mestruale”, minacciando che altrimenti “gli calerò le mutande io”.

Ecco il link diretto al nostro canale Telegram dedicato ad Amazon, al suo interno potete trovare codici sconto gratis ed incredibili offerte speciali.

 

Conad: cosa sta succedendo

La gravità dell’accaduto è altissima, e tutto è peggiorato dall’essere stato perpetrato da una donna, ovvero un soggetto che periodicamente prova le stesse sensazioni della “colpevole”.

Conad, come anticipato, ha immediatamente preso le distanze dall’accaduto, condannando apertamente il tutto, con la conseguente decisione di ritirare il marchio. Questa scelta potrebbe mettere a rischio il lavoro dei dipendenti del negozio, in quanto non risultano essere assunti dalla stessa Conad, ma sotto le direttive della titolare-direttrice, la quale al momento si ritroverebbe un punto vendita senza marchio di appartenenza. Il rischio di ritrovarsi senza lavoro è davvero elevato, a prescindere da questo, è davvero spiacevole assistere nel 2022 ancora a simili eventi.

Avatar
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.