Android 13 ha recentemente ottenuto un nuovo look, con un design totalmente rivisitato e un’interfaccia utente inedita. Fiore all’occhiello sicuramente il lettore multimediale: il migliore al momento in circolazione.

Il nuovo lettore multimediale in arrivo con questo aggiornamento, insieme ad altre funzioni, è già attivo nell’ultima anteprima per sviluppatori. Sembrano piuttosto promettenti. Rispetto al lettore presente su Android 12, quello supportato da Android 13 è più completo da diversi punti di vista. Saranno anche incluse nuove funzioni per la riproduzione casuale, per i brani in ripetizione e la barra di riproduzione.

Invece di abbinare il tema del tuo sistema al lettore, questo nuovo media player estrapola i colori dalla copertina dell’album in riproduzione, cambiando costantemente. Ad alcuni utenti potrebbe non piacere – dopotutto, si scontra con le attuali tendenze di Google – ma se preferisci un design più armonioso e soprattutto più dinamico e variegato, allora rimarrai sicuramente soddisfatto.

Android 13: il successore di Android 12 presenta un lettore multimediale senza paragoni

Per quanto riguarda il selettore di output, quindi delle uscite, presenta lo stesso stile che abbiamo visto a gennaio nei primi leaks. Combina le etichette dei vari altoparlanti con i cursori del volume. Ha anche un pulsante dedicato per l’associazione di nuovi dispositivi, che ti porta direttamente al menu “Associa nuovo dispositivo” nelle impostazioni.

Questi strumenti sono solo una parte dei continui sforzi di Google per incrementare il successo ottenuto da Android 12 segnando un momento di distacco totale dalle versioni precedenti. Come con qualsiasi anteprima per sviluppatori, tuttavia, questo aggiornamento è pieno di bug. Mancano mesi prima che Android 13 sia disponibile al pubblico, il che significa un sacco di tempo per appianare tutti i difetti emersi.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.