Xiaomi: la Lituania punta il dito contro l'azienda, le accuse non sono affatto leggere

Sbarazzatevi dei suoi smartphone. Non sono sicuri”. È quanto detto, tutto d’un colpo, dalla Lituania nei confronti della nota multinazionale cinese Xiaomi. Nello specifico, il ministero della Difesa lituano ha sconsigliato a tutta la popolazione di acquistare smartphone prodotti e sviluppati da aziende cinesi. Tra queste non manca di certo Xiaomi.

Come riporta Politico.eu, l’ente di sicurezza informatica del governo lituano, nei loro smartphone ci sono degli algoritmi capaci di scoprire e bloccare frasi come Tibet liberoViva l’indipendenza di Taiwan o Movimento per la democrazia. Il dispositivo discusso e accusato è il Mi 10T 5G. Il viceministro della Difesa Margiris Abukevičius ha specificato all’agenzia stampa Reuters: “La nostra raccomandazione è di non acquistare nuovi telefoni cinesi e di sbarazzarci di quelli già acquistati il più velocemente possibile”.