Netflix: è ufficiale, i videogame sbarcheranno in primis sugli smartphoneNetflix ha confermato che aggiungerà i videogiochi al suo catalogo. Nonostante sia una delle piattaforme più utilizzate al mondo, ha subito un crollo improvviso degli utenti abbonati. Questo calo ha spinto l’azienda a cercare delle valide alternative.

La società ha affermato che aggiungerà giochi senza costi aggiuntivi per gli utenti già abbonati. Tuttavia, non si sa ancora quando arriveranno e che tipo di giochi saranno. La società ha incolpato maggiormente il ritorno alla vita di sempre man mano che la situazione dovuta alla pandemia mostra i primi segni di miglioramento. Secondo l’azienda, gli utenti più fedeli non hanno più bisogno di intrattenersi tutto il tempo in casa a causa degli svariati lockdown.

Il totale di 5,5 milioni di abbonati nei primi sei mesi del 2021 è un totale piuttosto scarno per Netflix, il più debole dal 2013. Ora Netflix sta tentando un altro salto di qualità offrendo videogiochi per promuovere quella che descrive come un’espansione pluriennale. Il veterano di videogiochi, Mike Verdu, lavorerà a questo progetto.

Netflix pronta ad attirare più utenti con l’aggiunta dei videogiochi alla sua piattaforma

Greg Peters, chief product officer di Netflix, ha affermato che la società si concentrerà inizialmente sui giochi per dispositivi mobile prima di espandersi anche su console e televisori. I giochi inizialmente saranno legati alla programmazione più popolare di Netflix, ha detto Peters, ma potrebbero essere aggiunti anche titoli indipendenti al mix.

I numeri poco brillanti del primo semestre sono un drammatico capovolgimento rispetto allo scorso anno, quando i lockdown imposti dal governo in tutto il mondo hanno spinto le persone ad affidarsi a piattaforme come Netflix per evadere dalla realtà. Sebbene nessuno si aspettasse che Netflix avrebbe sostenuto un ritmo così vertiginoso, il calo della crescita degli abbonati quest’anno è più grave del previsto. Le azioni di Netflix sono diminuite di circa il 10% rispetto al picco di sei mesi fa. Ovviamente, non stiamo parlando di una società in bancarotta e pronta a fallire. Tuttavia, per un’azienda con così tante uscite diventa cruciale mantenere il ritmo delle entrate. Se il passaggio ai videogiochi ripaga, potrebbe alla fine dare a Netflix un motivo in più per aumentare i prezzi.