Netflix vuole superare ancora una volta i propri confini, espandendosi in lungo e in largo. Non gli basta più essere al top nei servizi di streaming mondiali, ora intende aprire un comparto dedicato ai videogiochi che portino il proprio nome.

Il weekend si è aperto col botto con questa notizia inaspettata, che vede Netflix alla ricerca di un dirigente per gestire la nuova espansione della società nel settore gaming.

Non una novità in assoluto, visto che già negli scorsi mesi alcuni rumors avevano avvicinato la casa americana a questo ambiente. Ma dopo queste news il salto è decisamente divenuto una prospettiva più che una possibilità, facendo di fatto entrare il colosso dello streaming in un mercato che oggi vale 150 miliardi di dollari: la video game industry.

 

Netflix apre ai videogiochi: la società è in cerca di un dirigente per coordinare e supervisionare l’entrata nel mondo del gaming

A riportare per primo la notizia la testata The Information. Non appena saputo da una fonte che la società con sede a Los Gatos, in California, stava contattando dei dirigenti veterani nel settore per sostenere i propri sforzi per entrare nel gaming business, ha subito pubblicato un articolo analizzando la posizione di Netflix.

La famosissima casa di streaming si è detta “entusiasta di poter fare ancora di più nell’ambito dell’intrattenimento interattivo” oltre a preservare la propria già immensa e consolidata offerta “dalle serie ai documentari, ai film, ai contenuti in lingua originale e ai reality”.

Fino ad ora, Netflix ha avuto un approccio piuttosto soft al mondo del gaming, progettando very basic things come la stessa società le ha definite. Ora invece è arrivato il momento di fare sul serio, mettendo sul piatto una strategia concreta con una prospettiva sul lungo periodo, anche per battere altre aziende ben più consolidate nell’ambito.

VIAMail Online