Clubhouse: è in arrivo la versione per Android, ma forse è troppo tardi

È ufficiale, il social audio Clubhouse (seppur in ritardo) arriva anche su Android. A pensarci bene, non è stata una mossa intelligente quella degli ideatori, i quali hanno scelto solo ora di ampliarla ad Android. Ad ogni modo è inutile fare gli spavaldi, perché le notizie poco felici non sono ancora terminate. Continuate a leggere e capirete il perché.

Al momento Clubhouse è disponibile solamente negli Stati Uniti, ma gli utenti degli altri Paesi possono comunque pre-registrarsi all’app su Google Play aspettando l’attivazione.

Clubhouse: la famosa app è in brusco calo

Clubhouse nasce come app esclusiva per gli utenti iOS. Gli ideatori inizialmente non si sarebbero mai aspettati una fama del genere, tanto è vero che fu realizzata da un piccolo gruppo di lavoro durante il primo lockdown. Forse la pandemia giocò a suo vantaggio, ma oggi il social, con l’Italia quasi interamente in zona gialla, non è più interessante come lo era prima.

La società di analisti SensorTower ha detto che i download sono scesi dai 9,6 milioni di febbraio ai 2,7 milioni di marzo. Un crollo mai visto di circa il 73%. Anche ad aprile la situazione è la stessa: Clubhouse ha raggiunto soltanto i 900mila download.

Come vi abbiamo già accennato precedentemente, la beta è già partita negli Stati Uniti. Per quanto riguarda il resto del mondo, se si cerca Clubhouse su Google Play è possibile pre-registrarsi e attivare anche l’installazione automatica quando l’app sarà disponibile. È però fondamentale avere almeno Android 8.0.

Con Clubhouse per Android, si potrà ufficialmente e contemporaneamente usare l’app su un telefono Android e iOS con lo stesso account social? Questo ancora non è stato svelato, lo scopriremo solo vivendo!