astrazeneca-italia-fascia-eta

Continuano ad essere polemiche e rumors intorno al vaccino AstraZeneca. Il farmaco anti Covid prodotto dall’Università di Oxford nelle ultime settimane ha fatto parlare molto di sé, anche in relazione degli effetti collaterali, seppur rarissimi, che hanno interessato alcuni individui.

 

AstraZeneca agli over 50, la possibile novità in Italia

Lo scetticismo intorno al vaccino di AstraZeneca continua ad essere più alto rispetto a quello degli altri sieri autorizzati dall’EMA. Al netto delle polemiche e delle voci, però, l’agenzia regolatoria europea più volte si è pronunciata a favore di questo farmaco contro il Covid, provandone i benefici al netto dei minimi rischi.

Tra i possibili effetti collaterali di AstraZeneca vi sono alcuni casi di trombosi. Nello scorso mese di Marzo, l’EMA ha accertato la correlazione tra episodi di trombosi e vaccini, sottolineando però le percentuali di incidenza bassissime.

Sempre da questa primavera, a differenza di quanto stabilito lo scorso mese di Gennaio, per AstraZeneca sono in vigore una serie di restrizioni. Solo per restare nel territorio italiano, il vaccino inglese è attualmente destinato ai cittadini con più di 60 anni.

Dopo le nuove rassicurazioni di EMA, torna il dilemma sull’estendere AstraZeneca anche ad individui più giovani di età. Nelle prossime settimane, quindi, potrebbero esserci ulteriori novità.

Nel nostro Paese, la discussione è attualmente in corso. Il generale Figliuolo, che si occupa della distribuzione dei vaccini su scala nazionale, sta spingendo in questi giorni per estendere il vaccino AstraZeneca almeno a tutti gli over 50. Questa operazione sarebbe strategica per velocizzare i tempi dell’immunizzazione di massa contro il Covid.