spacex-fallimento-esploso-razzoIl Long March 5B sta per schiantarsi sulla Terra. Il razzo è lungo 30 metri e sta viaggiando intorno al pianeta ogni 90 minuti ad una velocità elevata che impedisce di prevedere il punto d’atterraggio.

L’anno scorso, un prototipo simile è atterrato nell’Oceano Atlantico. Se il razzo cadesse sopra un’area popolata il risultato sarebbe lo stesso di un incidente aereo per oltre 100 miglia. Questo quanto dichiarato da Jonathan McDowell, astrofisico presso il Centro di astrofisica dell’Università di Harvard. Fortunatamente, si prevede che saremo al sicuro e ci saranno pochi danni agli edifici o all’ambiente. Tuttavia, ciò non è dovuto a misure preventive o difensive ma ad una questione statistica.

Per un evento di rientro incontrollato come questo, non è possibile prevedere con precisione dove cadrà il razzo (o alcune sue parti), afferma l’Agenzia spaziale europea (ESA). Ciò è dovuto principalmente alla densità atmosferica. L’altitudine del razzo non è nota al di sotto dei 300 chilometri poiché i veicoli spaziali non volano ad altezze così basse.

Il razzo Long March 5B fluttua attualmente a un’altitudine compresa tra 170 e 372 chilometri, ma è stato visto scendere a 160 chilometri. È anche probabile che bruci in fase d’atterraggio ma parti con un punto di fusione elevato potrebbero sopravvivere. Gli esperti faticano a ipotizzare teorie meno dispersive anche a causa dei pochi dati forniti dall’Agenzia cinese in possesso di questo razzo.

Razzo cinese sempre più vicino alla Terra, piuttosto elevata la probabilità di schiantarsi

Tuttavia, poiché la Terra è composta per il 75% da acqua e poiché vaste aree di terra sono disabitate, il rischio per ogni singolo individuo è piuttosto basso. Le persone a più rischio sono per lo più coloro alla guida di un’auto. I detriti viaggeranno a circa 100 miglia all’ora, quindi potrebbero esserci danni costosi, ma poiché si estenderanno su 100 miglia è probabile che solo uno o due pezzi colpiscano un’area popolata. Nell’ultimo decennio, circa 100 satelliti e razzi sono rientrati nell’atmosfera con una massa annua totale di circa 150 tonnellate. Il problema dei detriti trascinati da questi mezzi peggiorerà con il passare del tempo a causa di una mancata legislazione a riguardo.

Lo scienziato della Nasa Donald Kessler ha avvertito che l’effetto domino di uno schianto tra due pezzi di detriti potrebbe creare uno strato impenetrabile di detriti che renderebbe impossibili i lanci spaziali terrestri – essenzialmente intrappolandoci sulla Terra. Questo potenziale problema è ancor più grave della piccola probabilità che i detriti colpiscano gli edifici o gli abitanti di un posto.