apple-scandalo-dispositivi-non-sicuri
Photo by Brad Pouncey on Unsplash

Una delle funzioni più usate di Apple ha un’apparente grossissima falla di sicurezza che sta coinvolgendo 1,5 miliardi di dispositivi del marchio in questione. Si tratta di AirDrop e il problema è stato individuato dalla Technical University di Darmstadt. La falla si basa sul sistema di autenticazione che sfrutta il numero di telefono e l’email dell’utente.

Secondi i ricercatori, i potenziali ricercatori possono tranquillamente ottenere questi dati sensibili utilizzando un altro dispositivo con accesso Wi-Fi. Una volta vicino al bersaglio interessato, basta aprire un pannello di condivisione di file su un dispositivo Apple, nello specifico iOS e macOS, per ottenere il numero di telefono e la mail del malcapitato.

Non è un problema di recente per Apple. Dovete sapere infatti che lo studio è del 2019 e in quell’anno la compagnia era propria stata avvertita dai ricercatori. In due anni non ha fatto assolutamente nulla per risolvere lasciando di fatto la porta aperta a tutti gli attori malevoli.

 

Apple sa e non fa niente

Si tratta di una situazione alquanto disdicevole a questo punto una falla del genere non può continuare a esistere soprattutto se va a interessare un numero cosi grande di dispositivo in giro per il mondo. Si sta parlando di 1,5 miliardi di dispositivi, tutti potenzialmente attaccabili. Considerando che Apple si è sempre professata la compagnia che ci tiene alla sicurezza dei propri utenti, tutto questo è inaccettabile. Apple non ha neanche commentato tutto questo e non si sa se ha intenzione di fare qualcosa a breve. In sostanza, gli utenti dovranno stare più attenti che mai in attesa di una risoluzione.