covid-19-terza-ondata-record-contagi
Photo by Martin Sanchez on Unsplash

Che siamo nella terza ondata è ormai risaputo tanto che in Italia abbiamo superato il picco dei contagi e dei casi di Covid-19 e ora siamo in una discesa che durerà molto di più rispetto alle precedenti ondate. A livello globale però la situazione è ben diversa, siamo ancora nel pieno e il punto massimo ancora non si vede

Il 15 aprile è stato il nuovo record mondiale a livello di contagi in un singolo giorno. Si sta parlando di 845,125. Il precedente record era di quasi 844.00 l’8 gennaio. Per le morti il record è ancora ben lontano e non forse non verrà mai raggiunto anche perché il paese che ha guidato la classifica per morti a causa del Covid-19 sono gli Stati Uniti che però hanno già somministrato oltre 200 milioni di dosi di vaccini.

 

Covid-19: la terza ondata

I paesi che stanno guidando questa nuova ondata di casi di Covid-19 sono diversi, ma a numeri assoluti sono tre i più gravi. Al primo posto troviamo l’India che si sta avvicinando ai 300.00 casi giornalieri e al secondo il Brasile con quasi 50.000; entrambi raggiungono e superano i 1.500 morti al giorno. Il terzo paese è la Turchia con oltre 50.000 di media al giorno, ma con un tasso di morti solo leggermente più alto di noi e neanche sempre.

L’Asia in generale sta rischiando di entrare in pieno nella terza ondata anche se per molti dei paesi sarebbe di fatto la seconda visto che non ne hanno mai avuto un livello di contagi tale da poterla definire come tale. Per la stessa India si tratterebbe della seconda visto la loro curva dei contagi.