whatsappNegli ultimi tempi WhatsApp non se la sta passando per nulla bene. La celebre App di messaggistica istantanea infatti ha registrato un calo delle utenze. WhatsApp nasce nel 2009 è fin dal momento del lancio ha segnato una svolta nella comunicazione portando il significato di chat ad un livello superiore. Com’è noto il servizio di messaggistica, nel 2014 è stato acquisito dal gruppo Facebook per l’astronomica cifra di 19 miliardi di dollari.

Per più di dieci anni WhatsApp è rimasto leader incontrastato nel settore ma negli ultimi tempi gli utenti stanno iniziando ad abbandonare l’applicazione. A giocare un ruolo chiave sicuramente le recenti novità in merito alla gestione della privacy. La nuova politica legata agli account business infatti non è proprio piaciuta a tantissimi utenti che stanno decidendo sempre più spesso di optare per una delle tante alternative disponibili.

WhatsApp: le migliori alternative al servizio di messaggistica

 

Se anche voi siete tra gli utenti che preferiscono non accettare la nuova policy sulla privacy ecco a voi alcune alternative a WhatsApp.

  • Telegram: Senza dubbio telegram è il principale concorrente di WhatsApp; il servizio offre tantissime funzioni come gli steaker e le chiamate digitali, ma anche la possibilità di avviare chat segrete e impostare messaggi che si autodistruggono dopo un determinato periodo di tempo.

 

  • Signal: L’altra applicazione che si pone in aperta concorrenza con WhatsApp è la neonata Signal. Il servizio garantisce la massima sicurezza e una privacy impeccabile. Il servizio di messaggistica è in costante crescita al punto da essere l’applicazione più scaricata negli ultimi tre mesi.