Agenzia delle Entrate

Da alcuni giorni sta girando un avviso capace di far venire un infarto a chi la riceve. Ovviamente metaforicamente parlando! È ancora allarme phishing, perché si tratta di una falsa email firmata Agenzia delle Entrate. Riguarda i rimborsi IVA, ma il contenuto è una vera e propria truffa a cui fare molta attenzione.

Ovviamente l’Agenzia delle Entrate non solo ha prontamente iniziato ad avvisare tutti i contribuenti registrati al Fisco, ma ha anche pubblicato a questo link un comunicato stampa molto dettagliato. Ecco di cosa si tratta e cosa fare per non caderne vittima.

 

Attenzione alla falsa email dell’Agenzia delle Entrate, è pericolosa

Si tratta dell’ennesimo pericolo quello che riguarda una email diffusa dai soliti cybercriminali. Come sempre l’obbiettivo è quello di spaventare. Infatti l’avviso sembra proprio arrivare dall’Agenzia delle Entrate. In pratica farebbe credere al povero malcapitato di essere stato oggetto di un controllo che avrebbe rilevato serie incongruenze in merito alle recenti comunicazioni periodiche dell’IVA.

Segue poi un file in allegato nel formato .zip. Il documento dovrebbe spiegare quali incongruenze l’Agenzia delle Entrate avrebbe trovato in merito a rimborsi IVA e LIPE così da poterli risolvere e sanare. Ovviamente il comunicato stampa parla chiaro:

L’Agenzia non invia questo tipo di comunicazioni in alcun caso, si raccomanda di cestinare l’email, qualora fosse stata ricevuta, senza aprire alcun allegato“. 

Quindi è tutto completamente falso. Nessun avviso dell’Agenzia delle Entrate che tutt’al più comunicherebbe in modo ufficiale attraverso documenti in carta intestata tramite Raccomandata o PEC. Il consiglio è quello di eliminare la mail così da rendere innocuo il file che diventa pericoloso solo se si apre. All’interno infatti si nasconde un pericoloso malware. Se si ha qualche dubbio il consiglio è quello di contattare il numero verde gratuito 800909696 da fisso, e lo 0696668907 da cellulare.

In questi giorni non mancano nemmeno le truffe a tema Covid-19 che stanno colpendo molte persone anziane.

 

VIAVia