Chernobyl

In caso di contagio da Covid-19 o a seguito di un possibile contatto con chi ha il virus scatta la quarantena. Giorni particolarmente duri a livello psicologico. Chi li vive cerca di trovare alcuni diversivi per passare il tempo e soprattutto non pensarci. Uno di questi è guardando Serie TV. Una vera e propria maratona di episodi, dal primo all’ultimo. Secondo alcuni però sarebbe necessario evitare alcuni contenuti che potrebbero non essere adatti al particolare periodo che stiamo vivendo: la pandemia. Chernobyl, ad esempio, per un famoso attore dovrebbe essere uno dei titoli da evitare.

Perché la famosa serie TV prodotta da HBO potrebbe essere “pericolosa” se guardata durante la quarantena o i lockdown causati dal Coronavirus? Ecco quali sarebbero secondo Diego Luna i pericoli a livello psicologico.

 

Diego Luna consiglia: “Non guardate Chernobyl” durante la pandemia da Coronavirus

Tutti conoscono Diego Luna, sicuramente non sotto le vesti di psicologo. Famoso attore, ha recitato in titoli famosi quali Star Wars e Narcos. Proprio un anno fa, durante un’intervista su IndieWire ha raccontato una sua esperienza personale vissuta fra Coronavirus e Serie TV. Il noto attore infatti confessò di aver guardato durante la quarantena Chernobyl, il titolo prodotto da HBO. Però i risultati a livello psicologico non gli fecero bene.

Non ci è sembrato così fuori tema il suo consiglio che vogliamo riportare in questo articolo. “Ricordo quando ero a Londra il giorno prima che ci venisse detto di andare a casa, ho provato a guardare Chernobyl ed è stato un grande errore. Davvero terrificante! Vedevo come reagivano i vari Governi al Coronavirus, e il fatto è che reagivano così come facevano i politici all’inizio della serie, dicendo che andava tutto bene. Sembrava così simile a ciò che stavamo vivendo durante quei primi giorni“.

Effettivamente Diego Luna tutti i torni non li ha. Chi ha visto Chernobyl infatti sa come questa serie affronta temi anche scottanti. La reazione dell’Unione Sovietica quando ha appreso del disastro nucleare. I politici che tranquillizzavano la popolazione dicendo che non c’era nulla da temere e che sarebbe andato tutto bene. Tanto bene che dopo quasi 40 anni ancora si è appurato che il grano di Chernobyl è contaminato così come quello fuori dalla zona di esclusione.

Non era certo intenzione di Diego Luna accusare la serie TV Chernobyl o il modo di gestire l’emergenza al disastro del 1986. Tuttavia a livello psicologico potrebbe non far bene appesantire la mente con queste informazioni. Meglio per chi è particolarmente sensibile attendere tempi migliori prima di dare un’occhiata a questo titolo.

VIAVia