google maps

Stanno finalmente arrivando dei miglioramenti per la versione mobile di Google Maps. Sempre più simile a un social network, vedrà l’introduzione di un nuovo feed della community che ricorda parecchio lo stile delle più note piattaforme. L’idea è nata direttamente da alcuni suggerimenti inviati dagli utenti e si parla di circa 20 milioni di pubblicazioni divise tra recensioni, foto, valutazioni, aggiornamenti e commenti alle attività.

Google Maps in versione social, quali sono le caratteristiche

La decisione di riorganizzare in chiave social Google Maps, fornendo nel contempo uno strumento utile in grado di semplificare la ricerca di aggiornamenti e consigli da fonti locali attendibili, potrebbe essere una innovazione davvero utile.

Basterà uno scroll verso l’alto nella scheda esplora per mostrare il nuovo feed diviso tra ultime recensioni, foto e post aggiunti. Ovviamente è necessario seguire le attività o le Guide Locali in questione, un meccanismo noto ormai a tutti coloro che frequentano una qualsivoglia piattaforma social.

La modifica amplia non solo la fruibilità delle informazioni ma consente inoltre di adattare la visualizzazione dei contenuti in Maps in base ai nostri interessi. Se, ad esempio, un utente si interessa di cucina molecolare, avrà a che fare con un numero maggiore di post e foto inerenti l’argomento, e così via.

La novità è già attiva su Maps da oggi per tutti gli utenti in ambito mobile, e dovrebbe risultare disponibile per tutti già da ora. Ricordiamo in chiusura che, recentemente, Google ha inserito in Maps una nuova opzione dedicata al coronavirus che permette di visualizzare il numero di contagi per nazioni e per regioni, nel caso dell’Italia.

Gilda Fabiano
Mi chiamo Gilda Fabiano e sono nata all'inizio degli anni 90, decade che ha condizionato interamente la mia vita. Amo infatti la musica di quel periodo, dal grunge al pop, alla discutibilissima musica disco. Amo gli horror di ogni genere e sin da molto piccola ho iniziato a scrivere. Dapprima storie fantastiche e naturalmente horror, poi poesie, filastrocche, per arrivare ai fumetti. Amo cantare e sono passata a lungo anche attraverso la musica, soprattutto il jazz, ma anche questo influenza da sempre la mia scrittura. Ho iniziato ad apprezzare e scrivere articoli al liceo, quando per un progetto con la scuola, ho portato l'inchiesta sul fosforo bianco a Falluja, con il grandissimo aiuto di Sigfrido Ranucci. Nel 2017 ho deciso di avviarmi alla carriera di sceneggiatrice (per fumetti e non) iscrivendomi alla Scuola Internazionale di Comics di Roma. Durante questo percorso ho intrapreso diverse collaborazioni come articolista e recensore per riviste come Città Nuova, rivista online e cartacea di Roma, e il blog di recensioni cinematografiche chiamato Spoilers & PopCorn,. Oltre a collaborazioni come soggettista e ghost writer per diverse aziende ho anche pubblicato una storia breve a fumetti per la giovane casa editrice Bugs Comics. Continuo a scrivere poesie e racconti e da poco ho intrapreso la collaborazione con Tecnoandroid, di cui sono entusiasta!