Molte volte abbiamo parlato di Signal, l’applicazione di messaggistica che pone privacy e sicurezza degli utenti al primo posto e divenuta famosa nell’ultimo periodo in seguito alla pubblicazione dei nuovi termini di servizio di WhatsApp.

Da qualche giorno però, l’applicazione in questione non è più utilizzabile in Cina e il sito web di Signal è stato oscurato. Scopriamo insieme il motivo di questa decisione.

 

Signal non è più funzionante in Cina

Nonostante Signal sia comunque ancora disponibile su App Store, dato che il governo cinese non ha chiesto espressamente ad Apple di rimuovere l’app, sarà necessario utilizzare una VPN per continuare ad utilizzare il servizio. Sorte simile per la versione Android di Signal: il Google Play Store non è accessibile nella nazione e gli store di terze parti non consentono più il download dell’app.

Secondo il sito GreatFire.org che tiene traccia della censura online nel paese, nonostante l’app rimanga disponibile sull’App Store cinese, sarebbe stata bandita dal 15 marzo. Signal, che ha raccolto diversi utenti transfughi di WhatsApp in polemica sulla nuova informativa privacy della chat di Zuckerberg, è stata consigliata da Elon Musk per la sua crittografia, che rende più inaccessibile i contenuti dall’esterno. La versione iOS è stata installata quasi 510.000 volte fino ad oggi in Cina.

Signal quindi si unisce alla lista dei servizi bloccati dalla censura del governo cinese come Facebook, Instagram e Twitter. Non è al momento ancora chiaro se questa situazione sarà temporanea o permanente. Non ci resta che attendere qualche giorno per scoprire indizi sulla sua sorte.