blank

Microsoft e Google stanno pubblicamente litigando per il trattamento riservato agli editori di media. Tutto questo in mezzo al crescente controllo antitrust del governo sugli effetti di Big Tech sul giornalismo.

Microsoft e Google combattono per il futuro del giornalismo online

Venerdì una sottocommissione antitrust della Camera degli Stati Uniti ha tenuto un’audizione incentrata sui modi in cui Google e Facebook distribuiscono le notizie. Nella testimonianza scritta al pubblico, il presidente di Microsoft Brad Smith; ha criticato Google per aver reso i punti vendita di giornalismo dipendenti dai suoi servizi beneficiando al contempo dei suoi contenuti.

“Sebbene sia importante riconoscere che il traffico dai referral ha un valore. Ma monetizzare quel traffico è diventato sempre più difficile per le testate giornalistiche. Perché la maggior parte dei profitti sono stati spremuti da Google. Google è effettivamente diventata la “prima pagina” delle notizie. Possedere il rapporto con il lettore e relegare i contenuti delle notizie sulle loro proprietà a una voce di merce “, ha scritto Smith.

Il presidente di Microsoft ha anche sottolineato il forte calo delle entrate pubblicitarie dei giornali, che sono crollate da $ 49,4 miliardi nel 2005 a $ 14,3 miliardi nel 2018. In quello stesso periodo, ha detto Smith, le entrate pubblicitarie di Google sono cresciute da $ 6,1 miliardi a $ 116 miliardi. Ha aggiunto che “questa non è una coincidenza”.

Google ha replicato a Microsoft nella propria dichiarazione rilasciata prima dell’udienza.

“Rispettiamo il successo di Microsoft e competiamo duramente con loro nel cloud computing, nella ricerca, nelle applicazioni di produttività, nelle videoconferenze, nella posta elettronica e in molte altre aree. Sfortunatamente, con l’intensificarsi della concorrenza in queste aree, stanno tornando al loro familiare playbook di attaccare i rivali e spingere per regolamenti che servono i loro migliori interessi”, ha affermato Kent Walker, vicepresidente senior degli affari globali di Google.