Seconda guerra mondiale

Dal forno microonde alla Fanta, dalla penicillina alle patatine fritte surgelate. Al di là di quale sia la più utile di queste scoperte bisogna ammettere che hanno cambiato la storia di molte persone. Eccole le 7 invenzioni nate durante la Seconda guerra mondiale. Non si tratta certo di innovazioni tecnologie pari ai più moderni droni come il DJI FPV. Comunque sono ancora oggi funzionali e hanno migliorato la vita di tutti.

 

Seconda guerra mondiale: un conflitto atroce e razzista

La Seconda guerra mondiale, così come la Prima, ha provocato morte e distruzione. Il conflitto durò dal 1939 al 1945. Si scontrarono le potenze dell’Asse contro gli Alleati che, come già accaduto durante la Prima guerra mondiale, si combatterono su gran parte del pianeta. Hitler introdusse anche violente leggi razziali che provocarono milioni di morti innocenti.

Ad ogni modo durante la Seconda guerra mondiale sono anche nate o messe appunto 7 invenzioni che ancora oggi vengono utilizzate, alcune delle quali hanno anche salvato molte vite.

 

7 invenzioni ancora oggi utilizzate

  1. La Fanta. Questa bibita ormai amata da tutti nacque proprio durante la Seconda guerra mondiale. Inizialmente non fu una bevanda al gusto di aranciata, ma a base di siero del latte e marmellata di mele. Questo perché doveva sopperire alla difficoltà di importare lo sciroppo della Coca-Cola.
  2. Il forno a microonde. Fu un produttore di radar militari durante la Seconda guerra mondiale a scoprire questo metodo di cottura. Infatti Percy Spencer si accorse che maneggiando un tubo di magnetron la cioccolata che aveva in tasca si scioglieva. Fatta la prova con dei popcorn capì il nuovo metodo di cottura.
  3. La penicillina. Anche se l’attribuzione delle origini di questo potente medicinale sono in disaccordo la cosa certa è che salvò la vita a molti soldati affetti da ferite multiple infettate da diversi batteri.
  4. Le patatine fritte surgelate. Molti bambini saranno grati a JR Simplot. Questo imprenditore studiò un nuovo metodo di conservazione per garantire cibo all’esercito americano mentre marciava in Europa. Terminata la Seconda guerra mondiale, con un colpo di genio, si propose ai McDonald’s che avevano bisogno di servire hamburger e patatine fritte ai loro clienti in tempi record. Da qui la nascita del fast food.
  5. La saccarina in bustine. Durante la Seconda guerra mondiale furono imposte razioni su tutti i beni di prima necessità come lo zucchero. Da qui nacque la combinazione tra saccarina e destrosio in bustina monoporzione a zero calorie per incentivarne la vendita al posto dello zucchero.
  6. Il teflon. Questo materiale interessò molti scienziati perché garantiva una certa resistenza anche alle sostanze volatili prodotte dalle prime bombe atomiche. Al termine della Seconda guerra mondiale divenne il rivestimento antiaderente delle pentole di tutto il mondo.
  7. Il nastro adesivo americano. La Johnson & Johnson rispose alle esigenze militari di effettuare riparazioni veloci con un materiale polifunzionale, resistente, flessibile e funzionale. Dal caratteristico colore argento è tra i più utilizzati anche se oggi non siamo più nella Seconda guerra mondiale.
FONTEFocus