batteria AndroidLa batteria dei telefoni Android è mutata negli anni assestandosi a tecnologie sempre più evolute e valori in mAh in grado di garantire ore di autonomia lontani da powerbank e caricabatterie. Nonostante questo i problemi sono sempre dietro l’angolo per gli utenti che hanno scoperto un refuso tecnico che non garantisce la necessaria stabilità e l’autonomia. A volte si verifica che l’indicatore riporti il 100% di carica quando in realtà si ha a disposizione mota meno percentuale residua. Il dilemma si risolve con la calibrazione Android di cui parleremo da qui a breve. Scopriamo come fare.

 

Calibrazione della batteria Android: tutti i passi per ripristinare l’indicatore

Autonomia smartphone dimezzata nonostante l’indicatore di piena carica? Potresti non essere il solo ad essere incappato in una situazione simile. Per venirne a capo dobbiamo istruire il sistema a leggere i valori di carica corretti. Per farlo occorre settare la calibrazione attraverso una procedura che si può riassumere in quelli che sono i seguenti punti:

  • utilizzare lo smartphone Android fino a portare la batteria a completo esaurimento (il telefono non deve riuscire a completare il boot)
  • inseriamo il caricabatterie
  • lasciamo il telefono in carica fino al 100% con caricabatteria connesso
  • continuiamo a caricare aspettando ulteriori 2-3 ore dopo la ricarica completa
  • trascorso questo tempo stacchiamo il cavetto per 10-15 minuti lasciando spento il dispositivo
  • adesso ricolleghiamo il cavo (smartphone ancora spento) per ulteriori 10-15 minuti
  • con ancora il telefono in carica accendiamolo fino a completare l’accesso al sistema
  • adesso stacchiamo il caricabatterie

Basteranno poche ore per riportare tutto alla normalità. La procedura precedente deve essere ripetuta periodicamente ad intervalli mensili, fermo restando che una corretta procedura di ricarica Android dovrebbe oscillare su valori compresi tra il 20 e l’80% come consigliato dagli esperti.