WhatsApp: l'aggiornamento sulla privacy è stato rimandato, ecco i dettagli

Le critiche sono arrivate a grappoli, proprio come si pensava inizialmente. Il prossimo aggiornamento che WhatsApp implementerà sulla sua piattaforma per modificare i termini e le condizioni della privacy non è stato accolto di buon grado dagli utenti. In molti, senza neanche conoscere a fondo le caratteristiche di questo nuovo e prossimo update, hanno scelto di cambiare aria rapidamente.

L’applicazione infatti ha perso numerosi utenti che si sono trasferiti a Telegram, trovando anche qualche beneficio. Secondo quanto riportato però WhatsApp avrebbe deciso di cambiare i suoi piani, posticipando l’aggiornamento di qualche mese e programmandolo per il prossimo aprile. Molti utenti però non hanno ben capito di cosa si tratti, siccome il nuovo aggiornamento alla fine non andrà a modificare poi così tanto ciò a cui tutti già sono abituati da tempo. In poche parole WhatsApp non renderà più possibile la scelta in merito alla condivisione dei propri dati con Facebook, applicazione proprietaria della piattaforma di messaggistica. In realtà i dati che Facebook conosce sono già molti, quindi non si andrà ad invadere ulteriormente la sfera privata degli utenti.

 

WhatsApp: l’aggiornamento sulla privacy è stato ufficialmente rimandato

Stiamo posticipando la data in cui richiederemo ai nostri utenti di rivedere e accettare i termini. L’8 febbraio, nessun account verrà sospeso o eliminato. Continueremo a impegnarci per fare chiarezza sulle informazioni errate riguardanti la sicurezza e la privacy su WhatsApp. In modo graduale, e secondo le tempistiche di ciascuno, inviteremo i nostri utenti a rivedere l’informativa prima del 15 maggio, quando saranno disponibili le nuove opzioni business”.