blank

Siete appena arrivati ​​in un luogo dove solo pochissimi umani hanno avuto la fortuna (e il coraggio) di arrivare, un luogo inesplorato, desolato ma allo stesso tempo maestoso: la Luna. Cosa fare una volta atterrati? Ovviamente due colpi di golf! Questa era l’idea che venne in mente all’astronauta della NASA Alan Shepard il 6 febbraio 1971.

I dettagli di questa simpatica esperienza sulla Luna

Sicuramente qualcosa ha fatto entrare questa azienda, seppur molto semplice, nella storia. Shepard ovviamente non ha portato con sé le sue mazze da golf, ma ha usato un dispositivo di raccolta dei campioni “modificato”.

L’astronauta ebbe l’idea di “giocare a golf sulla luna” nel 1970, quando il famoso golfista Bob Hope visitò il Manned Spacecraft Center della NASA a Houston, il centro di addestramento degli astronauti, per uno speciale televisivo. Shepard è stato ispirato a fare una veloce sessione di golf satellitare per dimostrare l’attrazione gravitazionale della Luna, che è un sesto di quella della Terra.

L’impresa dell’astronauta è stata compiuta al termine della missione nel corpo celeste, quando stavano per partire. Non ci crederai, ma Shepard ha dovuto allenarsi per un po ‘di tempo sul nostro pianeta, prima di scattare la foto, poiché non era sicuro di poterlo fare. Il motivo è semplice: la tuta pesava 90 chili ed era estremamente rigida, quasi impossibile da spostare.

Dopo lo sparo, l’astronauta ha affermato che la palla stava viaggiando “miglia e miglia”. Ovviamente si trattava di un’esagerazione, in quanto – secondo un rapporto – la prima palla viaggiava per 22 metri, mentre la seconda per circa 37 metri. In confronto, un tiro medio di un giocatore professionista percorre 200 metri.

In ogni caso Shepard, fino alla fine, considerò la sua impresa unica . “ Finora, sono l’unica persona ad aver colpito una pallina da golf sulla luna. Probabilmente lo sarò per qualche tempo ”disse l’astronauta nel 1998 durante un documentario, pochi mesi prima della sua morte all’età di 74 anni.