WhatsApp: aggirate le regole, in chat da invisibili e senza ultimo accesso

Nel corso delle ultime settimane ci siamo a lungo concentrati sui pericoli legati a WhatsApp. Mai come in questa fase storica, la piattaforma di messaggistica istantanea è bersaglio dell’operato di alcuni cybercriminali con la condivisione indiscriminata di fake news e catene. L’attenzione del pubblico però deve essere concentrata anche su un altro elementi di WhatsApp: la foto profilo. 

 

WhatsApp, guai in vista per chi non nasconde la sua foto profilo

In alcune circostanze, un cattivo utilizzo dell’immagine di copertina potrebbe portare ad una serie di problemi per la privacy. I rischi in questo caso sono due: da una parte ci sono possibili furti d’identità, dall’altra l’attivazione di alcuni profili fake.

Il legame tra questi due pericoli e le foto profilo è molto stretto. I cybercriminali di WhatsApp tendono a rubare da alcuni utenti inconsapevoli le immagini dell’account e ad utilizzare queste o per rubare l’identità dello stesso utente o per dar vita ad una serie di profili non corrispondenti ad identità reale.

Purtroppo, ancora oggi, WhatsApp utilizza metodi di sicurezza diversi rispetto ad altri social network. Con la piattaforma di messaggistica, ad esempio, si possono non solo visualizzare le immagini profilo di sconosciuti ma anche effettuare alcuni screenshot segreti della stesse foto.

Per evitare problemi ed anomalie legate alla propria privacy, ogni utente di WhatsApp è chiamato ad agire in prima persona. Il consiglio per non esporsi ai malintenzionati è quello odi nascondere l’immagine del profilo a chi non è inserito nella rubrica del proprio smartphone attraverso il menù Impostazioni.