WhatsApp: svelato finalmente il trucco per spiare gratis gli utentiFacciamo molta attenzione nel prendere per buone quelle che potrebbero passare per delle colossali bufale WhatsApp. Stavolta l’ipotesi viene confermata da una notizia sul Covid che sta circolando all’interno delle chat dell’applicazione. Negli ultimi tempi un utente ha iniziato a divulgare false informazioni in merito alla gestione dei rapporti sanitari relativi ai decessi per morti da Coronavirus. Ecco come stanno le cose.

 

WhatsApp veicolo di falsi post virali: tutta una farsa la notizia che sta circolando in questi giorni

A riportare la notizia è la testata online IlDolomiti.it dove si attua la stesura di un audio messaggio in cui si indica quanto segue:

Ciao a tutti, chiedo cortesemente di condividere questo audio il più possibile, sono V. di Bolzano, oggi è domenica 21 febbraio 2021. Mi chiama poco fa un amico e mi dice: “devo raccontarti una notizia che ha dello sconvolgente”. Considerate che a Bolzano siamo in zona rosso scuro, non possiamo uscire dal Comune di residenza, i negozi sono chiusi, bar ristoranti un disastro. Perché i numeri sono altri. Allora mi dice: “guarda questa notte è morta la suocera di un nostro conoscente, una persona che io e lui conosciamo, da tempo, è morta di infarto, stava fondamentalmente bene a quanto ho capito… quando è arrivato il personale sanitario han chiesto ai parenti se potevano indicare nel referto medico che la donna è morta di COVID.” I parenti rimangono sbalorditi e dicono: “E perché questa cosa qua, e perché dobbiamo dichiarare il falso?” E i sanitari rispondono “E perché se dichiariamo questa cosa qua che è morta di COVID riceviamo 1700 euro al posto dei 400 previsti per una morte normale”. Ecco, questo probabilmente accadrà per tutte le morti che avvengono in Italia, ed è ovvio che così i numeri si gonfiano naturalmente, le statistiche si sballano e noi ci troviamo a rimanere chiusi in casa, non poter lavorare, non poter trovarci una sciata, a trovare amici e parenti perché i numeri sono stati gonfiati per ragioni economiche. Mi raccomando fate girare questo audio è importantissimo.

TUTTO FALSO nel modo più assoluto e per ovvie ragioni. Infatti non sono questi i criteri che hanno portato al lockdown con le zone ultra rosse istituite per contenere la diffusione della variante sudafricana. I morti per Covid devono avere ben determinate caratteristiche per essere dichiarati tali. Criteri dettati da apposite indicazioni fornite dall’Istituto superiore di sanità che rispecchiano i seguenti standard:

· Decesso occorso in un paziente definibile come caso confermato microbiologicamente (tampone molecolare) di COVID-19

· Presenza di un quadro clinico e strumentale suggestivo di COVID-19

· Assenza di una chiara causa di morte diversa dal COVID-19

· Assenza di periodo di recupero clinico completo tra la malattia e il decesso.

Impossibile ricondurre la fake news WhatsApp all’evento Covid senza la compresenza di tutti i fattori discriminanti lo stato alterato di salute.

FONTEildolomiti