Truffe online

Continuano le truffe online ai danni di diversi clienti di alcuni noti istituti di credito. Dopo il finto SMS di Intesa Sanpaolo, ora tocca anche a BNL. L’obbiettivo dei cybercriminali è rubare i dati personali di un utente per poter accedere alla sua Home Banking e prelevare denaro. Ecco tutti i dettagli di un raggiro pericoloso che deve essere subito riconosciuto per non caderne vittima.

 

Continuano le truffe online: ora tocca ai clienti di BNL

È ora il turno della Banca Nazionale del Lavoro, meglio nota come BNL. Adiconsum sta allertando tutti gli utenti di un finto SMS che all’apparenza sembrerebbe provenire dal noto istituto di credito. Questo messaggio ingannevole nasconderebbe la sua vera identità: far parte di una delle truffe online più pericolose per il conto corrente dei clienti.

“Gentile Cliente, per continuare ad accedere alle app è necessario aggiornare i dati al seguente link […]”. È questo il contenuto del finto SMS che, alle vittime, sembrerebbe proprio provenire da BNL. Naturalmente chi non possiede un conto corrente con questa banca difficilmente cadrà nella rete di questo raggiro. Ma per chi invece lo è il pericolo sta dietro l’angolo.

Infatti queste truffe online sono gestite da professionisti che, realizzando pagine web identiche a quelle degli istituti bancari, puntano a rubare i dati di accesso personali dei clienti. Questo per poter raggiungere la loro Home Banking e realizzare il furto di importanti somme di denaro.

 

Come non cadere vittima della truffa del finto SMS

Per non cadere vittima delle truffe online e in particolare di questa, ogni utente dovrà evitare di cliccare su qualsiasi link presentato all’interno di messaggi o email. Inoltre è molto importante segnalare questi comportamenti di natura illegale sul sito ufficiale della Polizia Postale. Alla sezione “Segnala online” si è guidati passo passo per comunicare tutti i dati del truffatore.

Insomma, è vero che le truffe online ormai sono all’ordine del giorno ed è facile caderne vittima, ma è altrettanto vero che le informazioni per riconoscerle sono tante. Nel dubbio invece di cliccare sul link, meglio selezionare “elimina”.