Nostradamus: il filosofo rivelò una verità che non volevamo sapere

Se pensate che i problemi si siano dissolti assieme al 2020, beh, vi sbagliate di grosso. A ricordarci che nella vita tutto può succedere e “non c’è mai fine al peggio”, vi è il libro dell’astrologo, scrittore e farmacista Nostradamus risalente al 1955 e denominato “Profezie”. Al suo interno egli racconta di alcune profezie che potrebbero ancora accadere. Ciò non ci tranquillizza affatto, ma dobbiamo pur affrontare la possibile realtà.

Nostradamus: non c’è mai fine al peggio

Secondo Nostradamus, prossimamente assisteremo all’arrivo di un meteorite rischioso per la Terra. Egli scrisse: “Riesci a vedere il fuoco dal cielo, una lunga scintilla che brucia? Nel cielo puoi vedere il fuoco e una lunga scia di scintille“. Per fortuna la NASA smentisce dichiarando che il prossimo pericolo si manifesterà almeno tra 100 anni.

I nuovi prodotti guideranno l’esercito. Il duca privato degli occhi è a Milano in una gabbia di ferro“. Per alcuni trattasi di un chip che verrà impiantato nella mente dei soldati. Ma non finisce qui, perché secondo Nostradamus, ciò che potrebbe annientare la Terra altro non è che una tempesta solare o addirittura un repentino cambio climatico. “Dopo una grande angoscia per l’umanità, se ne prepara una ancora più grande“. Il filosofo, ha poi aggiunto: “Vedremo l’acqua salire e la terra cadere sotto di essa“.

Nostradamus inoltre scrisse: “A causa della discordia e della negligenza francesi, ai maomettani verrà data una possibilità. Il porto di Marsiglia sarà coperto di barche e vele“.
Assisteremo dunque ad una guerra o un periodo caratterizzato dall’islamismo? Per non farci mancare niente vi comunichiamo anche che il 25 novembre 2021 ci sarà un grande terremoto lungo la faglia di San Andreas in California.