fortnite-abbonamento-epic-gamesLo sviluppatore di Fortnite sta portando la battaglia contro Apple nell’Unione Europea. Le due società continuano a discutere sul futuro dell’Apple Store a distanza di un anno. Epic accusa Apple di aver abusato del suo dominio per favorire se stessa su altre aziende. L’azienda ritiene ingiusto che Apple guadagni il 30% sui pagamenti effettuati tramite App Store.

In seguito alle accuse, Epic ha aggiunto il proprio sistema di pagamento, violando le regole di Apple relative al 30%. Apple ha bandito il gioco, che da allora non è più disponibile su iPhone, dando inizio al fallout. Da allora, le due società combattono sia pubblicamente che per vie legali. Epic Games ha già avviato procedimenti contro il gigante della tecnologia negli Stati Uniti e in Australia. Nonché con il Competition Appeal Tribunal del Regno Unito per quelle che sostiene essere pratiche sleali concerni i sistemi di pagamento.

La stessa situazione di stallo si è verificata anche sulla piattaforma Android di Google, nonostante gli esiti delle due diatribe siano differenti. In una dichiarazione sulla sua ultima denuncia, presentata alla Commissione europea, lo sviluppatore di videogiochi ha dichiarato: “Epic ha dovuto affrontare ed è stato danneggiato dalle restrizioni anticoncorrenziali di Apple sui pagamenti e sulla distribuzione delle app”.

“Quando Epic ha offerto ai giocatori di Fortnite su iOS una scelta tra pagamento Apple e pagamento diretto Epic, trasferendo i risparmi agli acquirenti diretti, Apple ha reagito bloccando i nostri sistemi in-app. “Quando Epic ha cercato di portare l’Epic Games Store su iOS, Apple ha rifiutato. E mentre Apple ha lanciato il proprio servizio di distribuzione di giochi, Apple Arcade, ha impedito ai concorrenti, inclusa Epic, di fare lo stesso.”

Apple contro Fortnite: scontro senza precedenti che a distanza di un anno continua imperterrito

Anche una serie di altre aziende, inclusa la piattaforma di streaming musicale Spotify, si sono espresse sulla questione della concorrenza leale e hanno annunciato il loro sostegno ad Epic. “La posta in gioco qui è il futuro delle piattaforme”, afferma Tim Sweeney, fondatore e amministratore delegato di Epic Games. “I consumatori hanno il diritto di installare app da fonti di loro scelta e gli sviluppatori hanno il diritto di competere in un mercato equo. Non resteremo a guardare”.

“È un male per i consumatori, che stanno pagando prezzi gonfiati a causa della totale mancanza di concorrenza e l’elaborazione dei pagamenti in-app. Ed è un male per gli sviluppatori i cui mezzi di sussistenza spesso dipendono dalla completa discrezione di Apple su chi consentire sulla piattaforma iOS e a quali condizioni.” Alla fine dell’anno scorso, Apple ha annunciato una modifica al suo regime, confermando che avrebbe dimezzato l’addebito al 15% per qualsiasi sviluppatore che guadagna meno di un milione di dollari all’anno nelle vendite generate attraverso il negozio.

“Per 12 anni, l’App Store ha aiutato gli sviluppatori a trasformare le loro idee più brillanti in app che cambiano il mondo”, dichiara Apple in risposta ad Epic. “Le nostre priorità sono sempre fornire ai clienti un luogo sicuro e affidabile per scaricare software e applicare le regole in modo equo a tutti gli sviluppatori. Epic è stato uno degli sviluppatori di maggior successo su App Store, crescendo fino a diventare un business multimiliardario che raggiunge milioni di clienti iOS in tutto il mondo, anche nell’UE. Il loro comportamento sconsiderato ha reso i clienti delle pedine e non vediamo l’ora di renderlo chiaro alla Commissione europea”.