CovidI nuovi contagi giornalieri del 10 gennaio 2021 sono complessivamente 18’627 sul territorio italiano, numeri più elevati delle scorse giornate, segnale che non è ancora giunto il momento di abbassare la guardia, nonostante tanti di noi vogliano effettivamente farlo.

dati diffusi dal corrente bollettino del Ministero, parlano di un totale di 139’758 tamponi processati, un tasso di incidenza del 13%, e sopratutto di 361 decessi (ieri erano stati 483), con 11’174 guariti. Attualmente sul territorio italiano contiamo 579’932 persone effettivamente positive, di queste 23’427 sono ricoverate in ospedale con sintomi, mentre 2615 risultano essere in terapia intensiva, tutti gli altri sono fortunatamente in isolamento domiciliare.

Dall’inizio della pandemia sono complessivamente 2’276’491 i consumatori colpiti dal Covid-19, a fronte di 1’617’804 guariti a tutti gli effetti, oppure di 78’755 decessi. Al momento attuale sono quasi 600 mila le persone vaccinate contro il Covid-19.

 

Contagi 10/1/2021: sono alti i numeri delle regioni

La Lombardia si riguadagna il podio di regione più colpita dal Covid-19 nella singola giornata, con 3’267 contagi in 24 ore; al secondo posto sale l’Emilia Romagna con una crescita odierna di 2193, per finire con il Veneto e la sua crescita di 2167. Le altre realtà con più di 1000 contagi restano sempre all’incirca le stesse, quali sono la Campania +1253, il Lazio +1746, la Sicilia +1733 e la Puglia +1162.

Tutte le restanti regioni hanno registrato numeri più contenuti, in particolare parliamo di 374 in Liguria, 642 in Friuli Venezia Giulia, 472 in Toscana, 687 nelle Marche, 315 in Abruzzo, 301 in Sardegna, 262 nella Provincia di Bolzano, 257 in Umbria, 409 in Calabria, 345 nella provincia di Trento, 108 in Basilicata, 19 in valle d’aosta e 112 in Molise.

Da domani entrano effettivamente in vigore le nuove fasce sul territorio italiano.