Un progetto rivoluzionario, che man mano andrà a coinvolgere gli utenti di tutti gli oltre 7.900 comuni italiani, sta prendendo piede negli ultimi 2 anni. Si tratta di Piazza WiFi Italia, il piano del MiSE per fornire la connessione libera e gratuita a tutti i cittadini: momentaneamente, vi hanno accesso solo i comuni aderenti, ma in breve tempo tutte le amministrazioni dovrebbero adeguarsi ed includere il progetto nella pianificazione territoriale.

L’idea nasce da una necessità che è stata recepita e trasformata in opportunità. Il piano, infatti, era inizialmente destinato ai 138 comuni colpiti dal terremoto del Centro Italia del 2016. Vi era impellenza di restituire una connessione stabile e che a livello di costi non andasse a gravare sui cittadini.

Successivamente, sono stati stanziati ulteriori fondi da destinare al progetto e sempre nuovi comuni sono stati inclusi, privilegiando per primi quelli con numero di abitanti inferiori a 2 mila.

WiFi gratuito in tutti i comuni italiani: la rete dello Stato offre la connessione libera ai cittadini

Il piano del MiSE è partito dal basso, provvedendo a fornire la connessione in primis a quelle piccole realtà che non avevano una propria rete WiFi territoriale.

I paesi di più grosse dimensioni che dispongono già di una propria connessione possono invece fare richiesta di federarsi al progetto, facendo sì che gli hotspot sul territorio comunale vengano inclusi nel computo di quelli attivi nell’ambito del progetto.

Connettersi alla rete è estremamente semplice. Basta consultare la mappa presente nel sito ufficiale del progetto e verificare dove si trovi l’hotspot più vicino, per poi raggiungerlo e scaricare l’app wifi.italia.it. Tramite l’autenticazione alla piattaforma, si avrà accesso ad internet gratuitamente e illimitatamente.