blank

Procede a gonfie vele il progetto del MiSE per portare la connessione WiFi gratuita in tutti i comuni italiani.

Alle già numerose postazioni attive sul territorio italiano, in queste ultime settimane hanno aderito anche i comuni di Grezzago, Sant’Alessio in Aspromonte, Petacciato, Agliè, Acquaro e Baiano, arrivando così ad un totale di 3260 siti interessati tra comuni e ospedali (grazie ai protocolli d’intesa con le ASL) e ben 6092 hotspot totali.

Sono oltre 400 mila gli utenti che hanno scaricato l’app per connettersi alla rete, che prende il nome di wifi.italia.it ed è disponibile sui principali store digitali, come Google Play Store e Apple Store.

Piazza WiFi Italia, internet a portata di tutti grazie al piano del MiSE

L’intento del Ministero, in collaborazione con il MiBACT, consiste nel portare la rete WiFi anche nelle realtà di minori dimensioni, così da poter offrire a tutti i cittadini l’opportunità di fruire del servizio gratuitamente e senza limiti. Basta infatti recarsi presso uno degli hotspot inseriti nel computo per accedere alla rete, installando l’app dedicata sul proprio dispositivo.

Il progetto è partito da un’esigenza, per poi trasformarsi in un piano accessibile a tutti. La necessità primaria consisteva nel restituire una connessione ad internet a tutti quei 138 comuni del centro Italia – nello specifico delle regioni Lazio, Abruzzo, Umbria e Marche – colpiti dal sisma nell’estate del 2016. Successivamente, lo stanziamento di ulteriori fondi ha permesso al progetto di espandersi, iniziando ad includere tutti i comuni al di sotto di 2 mila abitanti che ne facessero richiesta (conferendo loro priorità rispetto agli altri) e via via alle realtà di dimensioni maggiori.

L’obiettivo sarebbe quello di coprire tutti i 7904 comuni di cui consta attualmente il nostro Stivale.