blankGoogle ha rimosso improvvisamente e senza alcun preavviso le funzionalità di astrofotografia grandangolare dai suoi dispositivi Pixel 5 e 4a 5G.

In precedenza, la funzione consentiva agli utenti di scattare foto molto nitide anche durante le ore notturne con l’obiettivo grandangolare. Ciò consente agli utenti di ottenere un campo visivo più ampio per una ripresa più ampia di stelle e altri corpi celesti. Adesso, in condizioni di scarsa illuminazione “Su Pixel 4a (5G) e Pixel 5, l’astrofotografia funziona solo con impostazioni di zoom uguali o maggiori di 1x“.

La modifica arriva con l’aggiornamento 8.1 di Google Camera. Sebbene la società non abbia fornito spiegazioni sul motivo per cui la funzione è stata rimossa, o per lo più modificata. È stato ipotizzato da Android Central che la qualità inferiore dell’immagine con una fotocamera f/2.2 potrebbe generare migliori fotografie notturne rispetto ad un obiettivo principale di tipo f/1.7.

Google ha rimosso una funzione della fotocamera con uno degli ultimi aggiornamenti

Agli utenti viene ora chiesto di Zoomare per sfruttare l’astrofotografia all’interno dell’app della fotocamera. Come osserva The Verge, l’aggiornamento, che descrive come un “punto di forza” del Pixel 4 e degli smartphone successivi, era attivo da quasi due mesi. Si stima che il cambiamento sia avvenuto nella prima settimana di novembre.

Il software della fotocamera di Google sui telefoni Pixel è stato a lungo elogiato come un mezzo per ottenere foto di qualità senza hardware costosi. Tuttavia, invece di fornire delle correzioni sembra che la società abbia deciso di rimuovere completamente la funzione.

Questo non è l’unico caso in cui Google ha improvvisamente cambiato le funzionalità promesse agli utenti. L’azienda di smartphone e il gigante della ricerca avevano affermato che gli utenti Pixel avrebbero ricevuto spazio di archiviazione illimitato per foto in qualità originale. Ora sta rimuovendo questa possibilità. Entro giugno del 2021 le modifiche a previste per Google Drive implicano che Google Foto addebiterà agli utenti il ​​backup delle proprie foto.