intelligenza artificialeIl teletrasporto quantistico – l’invio di qubit di fotoni attraverso un cavo in fibra ottica – è stato dimostrato dai ricercatori per la prima volta. Il risultato potrebbe essere utilizzato per sviluppare un servizio Internet quantistico, che rivoluzionerebbe l’archiviazione e l’elaborazione dei dati. Una nuova era della comunicazione.

Gli scienziati hanno inviato qubit attraverso 44 chilometri di rete in fibra ottica con un grado di fedeltà del 90%. Questa rete è stata costruita con apparecchiature standard, compatibili con l’infrastruttura Internet esistente. I Qubit funzionano sostituendo i bit tradizionali, “1” e gli “0” utilizzati per codificare le informazioni digitali, con bit quantistici o qubit. Questi sono in grado di funzionare contemporaneamente sia come “1” che come “0”. Esistono in uno stato di sovrapposizione. Il che significa che ogni nuovo qubit aggiunto al computer incrementa la potenza in modo esponenziale anziché lineare.

Teletrasporto quantistico: Internet rivoluzionato da una scoperta che potrebbe stravolgere per sempre il modo in cui elaboriamo i dati

Il teletrasporto quantistico, quindi, è un trasferimento di stati quantistici da una posizione all’altra. Il trasferimento è effettuato utilizzando l’entanglement quantistico. Due particelle sono collegate in modo tale che le informazioni condivise con l’una siano condivise con l’altra esattamente nello stesso momento. Questo perché le particelle esistono in stati di probabilità. La loro esatta posizione, quantità di moto e lo spin non sono determinati fino a quando la particella non è misurata. I fotoni si comportano in questo modo, diventando un’onda o una particella a seconda di come vengono misurati.

“Volevamo compiere passi importanti”, afferma Panagiotis Spentzouris, capo del Quantum Science Program presso Fermilab. “Le persone sui social media chiedono se devono iscriversi a un provider di Internet quantistico (scherzosamente ovviamente)”, ha detto Maria Spiropulu, professoressa di fisica al Caltech. “Abbiamo bisogno di (molto) più lavoro di ricerca e sviluppo”. I computer quantistici sono in grado di eseguire calcoli quasi 100 trilioni di volte più velocemente del supercomputer più potente al mondo. I team dell’Università di Scienza e Tecnologia della Cina, così come Google, sono riusciti a realizzare tali imprese utilizzando due metodi diversi.