I mercatini di Natale rappresentano una delle più grandi attrazioni turistiche del periodo invernale. Quest’anno, però, per ovvi motivi anche i più famosi villaggi di Natale non aprono le proprie porte, proprio perché risulta difficile garantire il distanziamento sociale in luoghi così attrattivi come potrebbero essere le piazzette e le stradine dedicate ai mercatini.

Mercatini di Natale, ai tempi del Covid si visitano online

Se avete voglia di rivivere un po’ di quell’atmosfera natalizia all’insegna dello shopping artigianale, potete visitare il Digital Xmas, il primo villaggio di Natale online in cui i piccoli commercianti possono illustrare i propri prodotti e servizi.

“Siamo davvero contenti della riuscita del progetto, realizzato in tempi record. Speriamo possa essere un momento di svago e di divertimento per tante famiglie durante questo Natale così particolare!” afferma Nicola Nicoletti.

“Volevamo regalare un’esperienza coinvolgente che potesse intrattenere tutti, dai grandi ai piccini, con lo scopo finale di supportare piccoli commercianti e onlus. Siamo davvero orgogliosi del lavoro del nostro team, stiamo ricevendo parecchi complimenti per l’interfaccia grafica e ci fa molto piacere”, continua Elif Resitoglu. Nicola Nicoletti e Elif Resitoglu sono gli ideatori dell’iniziativa. 

Disponibile fino al 6 gennaio, Digital Xmas può essere visitato gratuitamente e riserva alcune attività speciali per i partecipanti. Anzitutto, il Villagio di Natale presenta casette e bancarelle che possono essere visitate con un semplice clic, ma oltre ciò è anche possibile assistere a tutorial fai-da-te natalizi, agli show di cucina, ai cori gospel e si potrà anche visitare la casa di Babbo Natale. La collaborazione con Whisk(e)y Distillery di Chivas Regal, Jameson Irish Whiskey e The Glenlivet ha reso possibile la presenza di una Whisk(e)y Distillery.

Si potrà poi partecipare ad una caccia al tesoro per ricevere codici sconto da spendere poi presso i negozi online del Digital Xmas. Hanno deciso di partecipare all’iniziativa anche onlus come Unicef, Medici Senza Frontiere, Make a Wish, AIL e Sos Villaggi dei Bambini, a cui verrà devoluto il ricavato di alcune attività svolte e prodotti venduti.