Nell’estate 2018, un drone ha lanciato un piccolo pacco vicino al labbro dello Stromboli, un vulcano al largo della costa della Sicilia che ha eruttato costantemente nel secolo scorso. Essendo uno dei vulcani più attivi del pianeta, Stromboli è una fonte di fascino per i geologi, ma la raccolta di dati vicino alla bocca torbida è irta di pericoli.

Quindi un team di ricercatori dell’Università di Bristol ha costruito un robot vulcanologo e ha utilizzato un drone per trasportarlo sulla cima del vulcano, dove poteva monitorare passivamente ogni suo terremoto e tremare fino a quando non veniva inevitabilmente distrutto da un’eruzione.

Una nuova creazione del team di ricercatori per studiare i materiali

Il robot era un sensore delle dimensioni di un softball alimentato da micro-dosi di energia nucleare da una batteria radioattiva delle dimensioni di un quadrato di cioccolato. I ricercatori hanno chiamato la loro creazione “uovo di drago”. Le uova di drago possono aiutare gli scienziati a studiare i processi naturali violenti con dettagli senza precedenti, ma per Tom Scott, uno scienziato dei materiali, i vulcani erano solo l’inizio.

Negli ultimi anni, Scott e un piccolo gruppo di collaboratori hanno sviluppato una versione truccata della batteria nucleare dell’uovo di drago che può durare per migliaia di anni senza mai essere caricata o sostituita. A differenza delle batterie nella maggior parte dell’elettronica moderna, che generano elettricità dalle reazioni chimiche, la batteria Bristol raccoglie le particelle sputate dai diamanti radioattivi che possono essere prodotti dai rifiuti nucleari riformati.

Scott e il suo collaboratore, un chimico di Bristol di nome Neil Fox, hanno creato una società chiamata Arkenlight per commercializzare la loro batteria nucleare di diamanti. Sebbene la batteria delle dimensioni di un’unghia sia ancora in una fase di prototipazione, sta già mostrando miglioramenti in termini di efficienza e densità di potenza rispetto alle batterie nucleari esistenti. Una volta che Scott e il team di Arkenlight avranno perfezionato il loro design, allestiranno una struttura pilota per produrli in serie.

L’azienda prevede che le sue prime batterie nucleari commerciali arriveranno sul mercato entro il 2024.