blankGuy Kawasaki è probabilmente l’unico nativo delle Hawaii che non ha messo piede su una tavola da surf fino all’età di 60 anni. Tuttavia, ha sempre praticato surf virtualmente. Questo gli ha aperto un mondo, perché grazie ad Internet è stato anche dipendente di Steve Jobs. Recentemente, ha iniziato a rivestire un ruolo importante per Canva, l’azienda di grafica online. Internet è diventato il suo posto di lavoro.

“Se avessi scoperto il surf prima, probabilmente non mi avresti intervistato adesso”, dichiara durante un’intervista. Conoscere il surf virtualmente gli ha permesso di scoprire tante sfaccettature di un mondo fatto di connessione e reti virtuali. Nato a Honolulu, ora vive a Santa Cruz, in California, con una casa a un isolato dalla spiaggia. Kawasaki è un giapponese-americano di terza generazione i cui nonni erano originariamente andati nelle Hawaii per raccogliere la canna da zucchero.

Kawasaki: l’esordio di uno dei principali soci di Canva, tra i software migliori del momento

“Durante i miei anni di infanzia, quando vivevo alle Hawaii, i fax erano ancora un grosso problema. Era quasi pre-elettricità.” La costellazione di isole che compongono le Hawaii, che spuntano dal Pacifico come giganteschi periscopi, sono state a lungo un crocevia oceanico tra l’Asia e l’America. Ma la grande svolta nelle comunicazioni per le Hawaii è stata la creazione della “superstrada dell’informazione” negli anni ’90. “Quando ero giovane”, dice Kawasaki, “le compagnie aeree che non esistevano, c’era un’unica autostrada per la terraferma”.

Molto importante il background di Kawasaki se pensiamo a quante volte diamo tutto per scontato. Lui è riuscito a trasformare la sua vita e rendere quello che un tempo non esisteva e non conosceva nel centro del suo lavoro, tra l’altro lavoro piuttosto importante. Canva è tra le piattaforme più utilizzate da designer di tutti i livelli, dai meno esperti ai più esperti. Kawasaki è fiero di parlarne come il software migliore in circolazione per tutti i servizi che offre, anche gratuitamente, e la qualità su cui l’azienda punta. Un software che è quasi riduttivo definire piattaforma editing, poiché permette di vivere un’esperienza da veri e propri grafici a 360 gradi.