agcom multa tim wind tre vodafone

L’AGCOM ha apportato delle modifiche al piano nazionale di numerazione, per ciò che riguarda le telecomunicazioni, assegnando un nuovo numero per servizi di pubblica utilità della Croce Rossa Italiana e anche spostandofra le numerazioni per servizi di emergenza l’esistente numero blu per le emergenze in mare della Guardia Costiera. Ecco i dettagli nell’articolo a seguire

AGCOM, ecco i dettagli sulle modifiche apportate

La pubblicazione delle delibere dei relativi provvedimenti, avvenuta in entrambi i casi il 19 Novembre 2020, sul sito dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, ha reso note queste modifiche.

La prima delle due, datata 8 Ottobre 2020, è la delibera n. 312/20/CIR, denominata Modifica della classificazione del servizio svolto con la numerazione 1530 da servizio di pubblica utilità a servizio di emergenza”.

Recepisce il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 24 Luglio 2020 recante “Numero Unico di emergenza europeo. Modifica della classificazione del numero blu – 1530 per le emergenze in mare”, nell’ambito del quale è previsto che il numero 1530 sia incluso tra i numeri per i servizi di emergenza. Fino ad ora, infatti, il numero 1530 della Guardia Costiera era incluso nella lista delle numerazioni per i servizi definiti di pubblica utilità.

L’altra delibera è la n. 323/20/CIR, documento in questo caso del 29 Ottobre 2020, che riguarda “Assegnazione di risorse di numerazione al ministero della salute”.

In questo caso l’Autorità ha infatti ricevuto, con una nota del 2 Settembre 2020, una richiesta da parte del Ministero della Salute per l’assegnazione di un numero di pubblica utilità da dedicare ad attività svolte dalla Croce Rossa Italiana. Pertanto ha apportato i medesimi cambiamenti anche a quest’ultimo numero, ovvero il 1520, rendendolo ufficialmente un numero d’emergenza.