HarmonyOS: approda prime Beta sugli smartphone verso la metà di dicembre

HarmonyOS è il sistema operativo presentato da Huawei il 9 agosto 2019. Dopo più di un anno (verso la seconda metà di dicembre) di preparazione giunge a noi la nuova prime beta della versione 2.0 del sistema. A confermarlo troviamo proprio Wang Chenglu, responsabile della divisione software del colosso cinese, durante un’intervista.

È ancora troppo presto per svelare i nomi dei primi dispositivi coinvolti, anche se un leaker su Weibo preannuncia l’organizzazione di Huawei:

  • Prima fase: smartphone con Kirin 9000 (Mate 40)
  • Seconda fase: smartphone con Kirin 990 5G (alcuni P40, Mate 30, Honor 30 Pro…)
  • Terza fase: alcuni smartphone con Kirin 990 4G e 820, tutti quelli con Kirin 985 (Honor 30)
  • Quarta fase: smartphone con Kirin 980, alcuni con Kirin 990 4G e 82
  • Quinta fase: smartphone con Kirin 810, alcuni con Kirin 710

 

HarmonyOS: i problemi con la collaborazione

Durante l’intervista sono trapelate alcune informazioni e curiosità: ad esempio la parola HongMeng (nome del sistema in Cina) proviene dall’antico Shan Hai Jing, un libro della letteratura classica cinese che narra la geografia e la cultura del Paese prima dell’epoca Qin. Pertanto lo sviluppo della novità risale addirittura al 2012, mentre a maggio 2018 era stata verificata la versione 1.0 del kernel.

Conclusione? HarmonyOS dovrebbe essere pronto da tempo, ma Huawei dichiara di aver atteso per due motivi: per la mancanza di un ecosistema e per gli accordi commerciali presi con Google. Cosa ha a che fare con Google tutto ciò? Semplice. La partnership tra le due è terminata, ciononostante dopo un breve periodo Huawei ha ripreso le redini tornando sui suoi passi verso lo sviluppo del sistema. Ha dunque deciso di intavolare colloqui con altri produttori cinesi per spingerli ad abbandonare Android.