dpcm

Il premier Giuseppe Conte ha firmato il nuovo DPCM con il quale verranno adottate nuove misure restrittive dato l’aumentare del numero di contagi legato al Coronavirus. In particolare, è stato da poco comunicato che le nuove norme entreranno in vigore a partire da venerdì 6 novembre 2020, in modo da aiutare le varie aziende a prepararsi alle nuove regole.

 

Nuovo DPCM in vigore dal 6 novembre: Italia divisa in tre zone

Con l’arrivo del nuovo decreto firmato dal premier Conte, il nostro paese si vedrà diviso in tre zone in base al numero dei contagi e in base alla situazione. Ci saranno alcune regole valide per tutto il territorio italiano, come ad esempio il coprifuoco dalle ore 22:00 fino alle ore 5:00. Avremo poi regioni appartenenti alla zona gialla, dove ci saranno restrizioni meno forti ma comunque importanti. Sarà poi consentita la didattica a distanza pari al 100% per quanto riguarda le scuole superiori, i cinema e i musei rimarranno chiusi, mentre resteranno aperti i parrucchieri e verrà ridotta la capienza dei mezzi pubblici fino al 50%.

Abbiamo poi le regioni appartenenti alla zona arancione, dove le misure si faranno più restrittive in quanto è presente “uno scenario di elevata gravità e da un livello di rischio alto”. In queste zone non sarà consentito spostarsi presso altre regioni o presso altri comuni diversi da quello di residenza, salvo ovviamente comprovate esigenze come lavoro o salute.

Infine saranno presenti le zone rosse, ovvero quelle più critiche, dove sarà vietato qualsiasi spostamento, anche all’interno del comune di residenza se non per comprovate esigenze. Vi ricordiamo che tutte le norme del nuovo decreto saranno valide fino al prossimo 5 dicembre 2020.