Coronavirus: mascherine e distanza basteranno per contrastare il virus?contagi registrati nel corso delle ultime 24 ore sono altissimi, i numeri parlano di 31’084 persone positive, a fronte comunque di un elevato numero di tamponi, il più alto di sempre, 215’085.

I nuovi dati del bollettino non rappresentano nulla di nuovo o inaspettato, l’incremento è costante, la curva è ormai esponenziale e quasi fuori controllo. I decessi sono 199 (contro i 217 di ieri), con 4’825 guariti. Al momento in Italia sono 325’786 le persone di cui si è a conoscenza della positività, di queste 16’994 sono ricoverate in ospedale, mentre 1’746 sono in terapia intensiva, tutti gli altri sono invece in isolamento domiciliare.

Dall’inizio della pandemia i casi da Coronavirus in Italia sono 647’674, tra cui troviamo 283’567 guariti 38’321 decessi.

 

Contagi: cosa succede nelle regioni

blank

Crescita esponenziale in Lombardia, nelle ultime 24 ore si sono registrati addirittura 8960 casi da Coronavirus, il numero più alto di sempre, superiore a marzo/aprile 2020. In seconda posizione si trova, come ormai suo solito, la Campania, con una crescita di 3186 positivi, seguita dal Veneto ed i suoi 3012 casi.

Ugualmente preoccupante è la situazione in Piemonte +2719, Lazio +2246, Toscana +2765 e Emilia-Romagna +1763. Sotto le 1000 unità si ritrovano tutte le altre regioni, come Liguria +999, Sicilia +984, Puglia +791, Marche +524, Friuli Venezia Giulia +505, Abruzzo +428, Sardegna +298 e Umbria +729.

Le aree meno colpite dal virus sono la provincia autonoma di Bolzano +350, Valle d’Aosta +155, Basilicata +91 Molise +115. La situazione è preoccupante, il rischio di un lockdown, anche non totale come in primavera è reale, per questo motivo è arrivato il momento di rimboccarci le maniche e cercare di uscirne tutti assieme, la prevenzione è l’arma migliore.