blank

Microsoft sfida Amazon nell’offrire un servizio che collega i satelliti direttamente alla rete di cloud computing dell’azienda, secondo i documenti che la società ha presentato il mese scorso alla Federal Communications Commission.

Il progetto di Microsoft con Azure dalla sua parte a fronteggiare Amazon, leader del cloud computing

Microsoft prevede di collegare un satellite a due stazioni di terra, entrambe situate nello stato nativo di Washington, per dimostrare che può scaricare direttamente “dati satellitari nel cloud di Azure per l’elaborazione immediata”, affermano i documenti della FCC. Una stazione di terra, è il collegamento vitale per la trasmissione di dati da e verso i satelliti in orbita. In particolare, Microsoft ha proposto di costruire una delle due stazioni di terra nel proprio centro dati di Quincy, nello stato di Washington.

La FCC il 2 settembre ha autorizzato Microsoft a eseguire dimostrazioni di prova del servizio. L’autorizzazione fornisce a Microsoft una licenza di sei mesi che consente il download di dati di comunicazioni e immagini. Il satellite spagnolo, chiamato Deimos-2, è stato lanciato in orbita nel giugno 2014. Il satellite è gestito da una filiale della società canadese di immagini satellitari UrtheCast e, per i test, il satellite Deimos-2 sarà solo nel raggio delle antenne di Microsoft per “pochi minuti.”

Se le dimostrazioni si traducono in un interesse di mercato significativo, Microsoft presenterà una domanda per l’autorità della stazione terrestre regolare presso l’Ufficio internazionale (IB) per supportare le operazioni commerciali future, e tale applicazione includerà una richiesta di accesso al mercato statunitense per DEIMOS-2”, ha scritto l’azienda.

Microsoft ha delineato nella documentazione che, costruendo una rete di stazioni di terra, vuole mostrare alle aziende satellitari i potenziali vantaggi di connettersi direttamente al cloud Azure dell’azienda. Ma Microsoft non è sola. La sua strategia coincide strettamente con quella delineata da Amazon nel novembre 2018 quando ha lanciato il suo servizio AWS Ground Station, mettendo i giganti della tecnologia l’uno contro l’altro in un nuovo regno di servizi di cloud computing.

Amazon guida il mercato in crescita del cloud computing, con il 45% nel 2019, mentre Microsoft aveva circa il 18%, secondo la società di ricerca del settore tecnologico Gartner.
AWS Ground Station è stata la prima mossa di Amazon verso l’hardware spaziale. La rete di stazioni di terra dell’azienda è entrata in servizio quest’anno in due delle prime 12 località previste.

Sebbene Amazon non abbia finora rivelato tutti i clienti di AWS Ground Station, la società ha notato che il servizio è utilizzato dal Jet Propulsion Lab della NASA e da aziende come Capella Space, Spire Global, Maxar Technologies, Myriota e Thales Alenia Space.
Amazon afferma che AWS Ground Station può connettersi con un’ampia gamma di satelliti che volano orbite terrestri sia basse che medie.

L’azienda vanta che AWS Ground Station riduce il tempo necessario per elaborare e analizzare i dati satellitari “da ore a minuti o secondi”, con i clienti che risparmiano “fino all′80% sul costo” delle tradizionali operazioni di stazione di terra.