Bollo auto

Sta per partire la stagione dei pagamenti per il bollo auto. Tanti italiani, da qui alle prossime settimane, saranno chiamati ad effettuare il saldo della “tassa di possesso annuale” per il proprio veicolo. A differenza degli scorsi anni, però, questo 2020 (anche a causa dell’emergenza Covid) offre importanti novità in termini pratici.

 

Bollo auto, chi può evitare di pagare la tassa ed è esentato

Ci sono, in primo luogo, dieci regioni d’Italia in cui è stato sospeso durante le scorse settimane il pagamento del bollo auto. Queste regioni sono: Campania, Calabria, Toscana, Lazio, Marche, Umbria, Emilia Romagna, Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia. In tali territori, saranno a breve fornite informazioni per la riprogrammazione della riscossioni.

Importanti cambiamenti ci sono, inoltre, anche per le categorie che possono richiedere l’esenzione integrale dal versamento del bollo auto.

In prima linea, in questa lista, ci sono ovviamente tutti gli individui diversamente abili o invalidi civili che hanno piena copertura dalla legge 104. L’esenzione del bollo però riguarda anche gli italiani che hanno acquistato veicoli a basso impatto ecologico.

Tutti coloro che sono in possesso di un’auto elettrica di nuova generazione non dovranno pagare la tassa. Allo stesso tempo non è prevista la riscossione del bollo per quegli individui che hanno acquistato un veicolo ibrido nel 2019 ed in questo 20202.

L’esenzione dal pagamento del bollo auto non è automatica per le categorie di cittadini citate. Tutti coloro che rientrano in questi gruppi dovranno, infatti, premurarsi di effettuare pronta richiesta agli uffici regionali predisposti attraverso un apposito modello. La richiesta deve giungere almeno 90 giorni prima l’inizio dei pagamenti.