In occasione del Mobile World Congress dello scorso anno, OPPO ha presentato un suo prototipo di smartphone pieghevole. Quel dispositivo non ha mai visto la luce e – in realtà – da allora l’azienda ha depositato diversi brevetti che mostrano diverse soluzioni di flessibilità.

L’ultimo brevetto mostra uno smartphone a conchiglia, lo stesso form-factor riportato in auge da Motorola e ripreso poi anche da Samsung con il suo Z Flip. A dire il vero, la proposta di OPPO sembra allontanarsi molto sia dal Razr che dallo Z Flip, con un design molto più squadrato e spigoloso. Tuttavia, l’elemento distintivo di questo smartphone riguarda proprio il display. Questo, infatti, è stato progettato per comparire all’esterno, attraverso un sistema di chiusura che diremo inverso.

Il team di LetsGoDigital ha realizzato una serie di rendering 3D basati sulle immagini e le informazioni contenute nel brevetto, per farci meglio comprendere quale potrebbe essere l’aspetto dello smartphone ed il suo funzionamento.

Questo potrebbe essere il prossimo pieghevole di OPPO con display esterno

Il lato positivo della piegatura inversa è che ciò non rende necessario introdurre un secondo display esterno e fotocamere aggiuntive. Ma quello negativo viene da sé. Con un meccanismo di piegatura verso l’esterno lo schermo è molto più esposto, e ciò potrebbe rappresentare un reale fattore di rischio per una soluzione che – già per sua natura – è fragile.

In teoria, una soluzione del genere dovrebbe permetterci di utilizzare lo smartphone in due modalità differenti. Da piegato, utilizzando la parte superiore del display, che dovrebbe adattare automaticamente la corretta visualizzazione dei contenuti al suo formato. E da aperto, sfruttando i vantaggi di uno schermo più ampio. Questo smartphone può anche essere posizionato su di un tavolo ed essere utilizzato semi-piegato, come se fosse un minuscolo laptop.

Quanto al comparto fotografico, non è stato necessario montare una fotocamera frontale dal momento in cui le fotocamere principali possono essere utilizzare per scattare selfie quando lo smartphone è piegato. Oltre ciò, dovrebbe anche esserci un lettore di impronte digitali montato lateralmente.

Al momento, comunque, non c’è ancora nulla di concreto, per cui non possiamo ipotizzare alcun periodo di lancio e disponibilità. Del resto OPPO ha cambiato spesso i suoi piani per quanto riguarda gli smartphone pieghevoli, ma siamo curiosi di scoprire quale sarà la soluzione finale.

VIALetsGoDigital