Le bollette della luce e del gas sono una spesa fissa per la maggior parte delle famiglie italiane. Ma tra costi fissi, oneri aggiuntivi e servizi a pagamento non è sempre facile destreggiarsi tra le varie voci in bolletta. In questo modo molti si ritrovano a pagare delle bollette gonfiate da costi non necessari e che possono essere ridotti con l’impiego di pochi e semplici espedienti.

Imparare a leggere correttamente la bolletta per distinguere le varie voci è un requisito fondamentale per poter agire in modo da risparmiare su queste spese fisse che gravano sulle famiglie. Ancor di più in un momento difficile come questo, che tra lockdown, virus e aumento dei prezzi non facilita la situazione di tanti nuclei familiari. Lo stesso governo aveva cercato di aiutare i cittadini spronando i gestori dei servizi a limitare i costi delle forniture e aiutare a superare questa fase critica dell’economia.

 

Ecco qualche semplice trucco per risparmiare

Siti molto famosi come Facile.it o come Sostariffe.it permettono di scoprire qualche piccolo espediente per limitare i costi superflui nelle nostre bollette.

Oltre ovviamente alle diverse modalità di risparmio energico, da effettuare a monte limitando e gestendo in maniera ottimale i consumi di luce e gas della famiglia, ci sono altri aspetti. Vediamo qui di seguito quali:

  • effettuare l’autolettura aiuta molto nel contenimento del costo delle nostre utenze. L’autolettura permette di pagare delle fatture basate sul consumo reale e non su un calcolo presunto e forfettario. Solo i nuovi contatori della luce con tele-lettura permettono di trasmettere i dati di consumo corretti e in tempo reale.
  • occorre verificare che il nostro profilo di lettura sia adeguato al nostro uso e alle nostre condizioni. Infatti, ci sono diverse tipologie di contratti di fornitura, come ad esempio quelli per residenti, non residenti, aziende, condomini e molti altri. Assicurarsi che la tipologia di fornitura sia corretta ci permette di pagare il giusto, senza sobbarcarsi costi aggiuntivi  non necessari.
  • prestare particolare attenzione ai termini del contratto, alle diverse voci presenti in bolletta, e verificare i costi di accise, trasporto ed eventuali servizi aggiuntivi. Essere consapevoli dei costi e di come sono distribuiti può aiutare nell’abbattimento dei costi o nella scelta di un contratto più conveniente.
  • per quanto riguarda i contratti di fornitura di luce e gas esistono diverse tipologie di tariffe, che possono essere scelte direttamente dall’utente che usfruisce del servizio. Ad esempio è possibile scegliere tra tariffe mono orarie o biorarie per la fornitura dei servizi, a seconda della concentrazione dei consumi di ogni famiglia. Scegliere quella giusta può fare la differenza in termini di consumo e costi.
  • ultimi, ma non per importanza, la gestione dei consumi e la revisione periodica degli impianti, che non solo garantiscono un livello di sicurezza maggiore, ma permettono anche di identificare per tempo eventuali problematiche e quindi farci risparmiare fastidiosi inconvenienti.