BatterieNel settore del mercato automobilistico un tema molto importante è quello della capacità e dell’ingombro delle batterie utilizzate nei veicoli elettrici. Infatti, l’evoluzione dal punto di vista tecnologico potrebbe portare ad una disponibilità sempre maggiore di batterie caratterizzate da una densità sempre più alta e un ingombro ridotto. Dunque, a parità di peso, si poterà assistere ad un incremento dell’autonomia di funzionamento.

Secondo quanto riportato da Reuters, l’obbiettivo di Panasonic, uno dei principali produttori di batterie per il settore automobilistico (oltre che partner di Tesla), è quello di sviluppare nuove batterie indicate con la sigla 2170 che possono essere in grado di incrementare la capacità del 20% rispetto a quelle che ci sono attualmente.

 

 

Panasonic: le caratteristiche delle nuove batterie

Questo potrebbe trattarsi sicuramente di un importante passo in avanti, ottenuto a parità di ingombro e di peso in un arco temporale di circa 5 anni. Questa nuova possibile situazione potrebbe permettere di incrementare l’autonomia dei veicoli elettrici con una singola carica. Infatti, nel caso di Tesla Model 3 Long Range si può pensare che dall’attuale autonomia di 560 Km, si può superare un dato di 650 Km.

Inoltre, Panasonic è intenzionata a sviluppare delle batterie del tutto prive di cobalto tra il 2022 e 2024, riuscendole a rendere disponibili sul mercato. Ciò permetterebbe di contenere ancor di più il costo di produzione con dei netti miglioramenti sul prezzo d’acquisto dei veicoli elettrici. Le batterie Panasonic 2170 agli ioni di litio, usate al momento sui veicoli Tesla Model 3, sono basate su catodi di tipo nickel-cobalto-alluminio (NCA) e hanno la maggiore densità energetica superando i 700 watt-ora per litro