Apple ha deciso di rimuovere migliaia di giochi dall’App Store cinese

A quanto pare Apple ha deciso che i giochi provenienti dal App Store cinese che non hanno licenza verranno banditi immediatamente

Apple

Apple sta per iniziare a rimuovere migliaia di giochi per cellulare dal suo App Store in Cina, a seguito della repressione del governo che finora ha permesso a sviluppatori come Rockstar Games di mettere i giochi non approvati nelle mani di giocatori cinesi.

Le normative cinesi stabiliscono che tutti i giochi a pagamento, o quelli che offrono acquisti in-app, devono essere rivisti e successivamente ottenere una licenza prima di poter essere pubblicati. Mentre i negozi di app Android hanno ampiamente rispettato questa regola dal 2016, molti sviluppatori di giochi per iPhone andrebbero avanti e pubblicherebbero comunque i loro giochi in attesa di autorizzazione, procedura che potrebbe richiedere mesi. Ora, come riporta Bloomberg , Apple ha stipulato che tutti i giochi iOS in Cina avranno bisogno di licenze per continuare a funzionare da luglio.

 

Apple: dal 30 giugno i giochi cinesi senza licenza verranno banditi immediatamente

A febbraio, Apple ha “ricordato” agli sviluppatori iOS in Cina di aver bisogno di ottenere le licenze prima della pubblicazione, ora il produttore di iPhone ha dichiarato esplicitamente che i giochi senza licenza entro il 30 giugno verranno banditi e rimossi dall’App Store locale. Ciò potrebbe avere implicazioni di vasta portata sull’industria dei giochi nel paese, date le rigide regole cinesi sui contenuti consentiti. I titoli basati ad esempio sul gioco d’azzardo, il passato imperiale della Cina o quelli con sangue e cadaveri non sono ammessi.

Inoltre, non è chiaro esattamente perché Apple abbia impiegato così tanto tempo per prendere delle decisioni su questa questione, poiché era già un obbiettivo precedentemente. Potrebbe anche provare a placare i funzionari che hanno contestato un numero di podcast contrassegnati nel suo App Store all’inizio di questo mese. Staremo a vedere se Apple prenderà altre decisioni in merito alla situazione.