Creditreform emailCreditreform è l’ultimo protagonista di un attacco phishing rivolto agli utenti soliti svolgere trading online. Un’email sta sfruttando illecitamente il nome della nota società di recupero crediti per attuare un tentativo di frode online che si propone di intaccare i dati sensibili e le carte di credito delle vittime. L’email, come confermato dalla stessa Creditreform, è solo una truffa, quindi è opportuno diffidare.

Creditreform: nuova email phishing richiede carta di credito e documento d’identità, attenzione!

 

I cyber-criminali allargano i loro orizzonti proponendosi periodicamente l’obiettivo di mietere nuove vittime. Dai titolari di conti correnti, agli utenti soliti effettuare acquisti online, fino ad arrivare ai trader. A questi ultimi è rivolta, infatti, un’email apparentemente attribuibile a Creditreform.

Il messaggio si rivolge agli investitori del trading online che hanno subito perdite negli ultimi periodi e comunica l’attuazione di una serie di provvedimenti che permetterebbero di recuperare le perdite. La mail appare ben fatta e ciò potrebbe trarre in inganno ma è necessario proseguire con una lettura attenta per notare subito l’insolita richiesta.

I cyber-criminali, appunto, richiedono un selfie dell’utente, una copia del documento d’identità e della carta di credito, ritenendo tali documenti necessari al fine di poter portare a termine il risarcimento. Siamo di fronte, ancora una volta, alla richiesta che caratterizza tutti i tentativi di phishing.

Il phishing si propone di sottrarre quante più informazioni sensibili per poter ottenere da queste un guadagno illecito. In molte occasioni, inoltre, mira ai dati bancari con l’intento di accedere ai conti correnti e alle carte di credito delle vittime e prelevarne il denaro. Al fine di compiere tale passaggio i malfattori richiedono sempre di fornire dati personali reputandoli necessari e giustificando la richiesta attraverso espedienti sempre nuovi.

L’email a cui abbiamo fatto riferimento presenta particolari dettagli che hanno lo scopo di rendere il messaggio quanto più credibile. Nonostante ciò è molto importante non eseguire quanto richiesto e procedere soltanto con l’eliminazione.