Elettrosmog-RETE-MOBILE-wi-fi

Per ridurre al massimo l’esposizione ai campi elettromagnetici, l’Apa Bolzano consiglia di usare la connessione alla rete Wi-Fi piuttosto che la rete mobile.

La continua diffusione di apparecchiature e di nuove tecnologie (domotica, smarthome ecc.) e il crescere dell’utilizzo del cellulare in ogni dove, aumentano la possibile esposizione ai campi elettromagnetici.
Soprattutto in casa e dove è disponibile – spiega Luca Verdi, direttore del Laboratorio Analisi aria e radioprotezione dell’Apa Bolzano – sarebbe meglio la rete Wi-Fi. Le antenne Wi-Fi, infatti, emettono onde elettromagnetiche per 0,1 Watt di potenza contro i 3000 Watt delle antenne della rete mobile”.

Elettrosmog in casa: Wi-Fi o rete mobile, quale utilizzare?

Scegliere il Wi-Fi significa quindi diminuire drasticamente l’inquinamento elettromagnetico con la stessa qualità di navigazione. “Già a un metro di distanza dal modem Wi-Fi, spiega ancora Verdi, il valore del campo elettromagnetico si riduce sensibilmente. È sufficiente quindi posizionarlo in un punto della casa in cui le persone non sostano a lungo per ridurre drasticamente l’esposizione personale alle radiazioni”.

Un minor carico della rete cellulare vale a dire un minore inquinamento elettromagnetico per la comunità e di conseguenza una minore necessità di continui potenziamenti della rete cellulare”, aggiunge egli.
Usare la rete cellulare rispetto al Wi-Fi è come leggere un libro usando la luce del lampione stradale, invece che la lampada da tavolo” , conclude.

L’uso intelligente del Wi-Fi sarà uno dei temi centrali della campagna “Uso consapevole del cellulare” che l’Apa Bolzano, in collaborazione con l’Agenzia di stampa e comunicazione della Provincia e altre ripartizioni provinciali (sanità, intendenze scolastiche, informatica, mobilità, protezione civile) ha avviato a partire da metà febbraio 2019.