IPTV: Serie A di nuovo in campo, ecco a cosa bisogna stare attenti

La Serie A è pronta a tornare in campo a partire dalla prossima settimana e in molti si saranno già posti la domanda: tornerà di moda anche l’IPTV? A quanto pare sì, il noto servizio pirata sarà di nuovo in auge per consentire a tutti di godere delle partite visibili solo da casa.

Sono però tantissime le persone che non hanno ben chiaro il quadro della situazione in merito ai provvedimenti presi dalla legge. Infatti questi sono molto più severi rispetto qualche mese fa, visto che oltre 200 persone beccate in Italia ultimamente hanno dovuto pagare aspre pene.

Per avere le migliori offerte Amazon tutti i giorni anche sui decoder legali, vi consigliamo di iscrivervi al nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare.

 

IPTV: gli utenti possono essere beccati in qualsiasi momento e pagare grosse sanzioni

Il mondo IPTV può portarvi a finirei in guai di cui non avete neanche idea. Le persone bloccate ultimamente hanno dovuto pagare una multa salatissima, mentre altre sono addirittura finite in galera. Se doveste essere beccati poi sarete costretti a consegnare i vostri dispositivi utilizzati per vedere il vostro abbonamento.

“L’operazione annunciata dal Nucleo Speciale Beni e Servizi della Guardia di Finanza in tema di contrasto alla diffusione di IPTV pirata si inquadra in un contesto strategico più ampio legato al fenomeno della pirateria che in Italia resta un problema centrale per l’industria audiovisiva e per il settore della cultura più in generale” dichiara Federico Bagnoli Rossi, Segretario Generale della Federazione per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali (FAPAV).

“La strategia della nostra Federazione è quello di collaborare con le Forze dell’Ordine e le Autorità preposte per scardinare la piramide illecita e criminale che si cela dietro la pirateria, sia fisica sia digitale.”