ecobonus bonus vacanze

Nel Decreto Rilancio abbiamo imparato a conoscere i vari sgravi fiscali e i bonus introdotti per rilanciare la micro economia di piccole e medie imprese, così come il bilancio familiare. Nell’ordine ci sono contributi a fondo perduto, agevolazioni per la ristrutturazione della casa e l’efficentamento energetico, la sanificazione dei luoghi di lavoro. In più c’è un bonus vacanze per l’estate.

Online sul sito del Governo o dell’Agenzia delle Entrate si possono trovare tutte le informazioni sui vari bonus riservati a cittadini e imprese. Nei vademecum sono sintetizzate tutte le novità di carattere fiscale e le modalità di accesso alle agevolazioni introdotte dal decreto legge. Vediamo dunque insieme di cosa si tratta.

 

Bonus Vacanze, energia e casa: ecco i vantaggi del Decreto Rilancio

Per quanto riguarda la casa è stato creato un pacchetto di misure per accedere alle detrazioni per interventi di efficienza energetica, di riduzione del rischio sismico, l’installazione di impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica per auto elettriche. Il cosiddetto Ecobonus al 110% riguarda appunto una detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021. Il rimborso verrà distribuito in 5 rate annuali di pari importo, oppure si può richiedere la trasformazione in credito d’imposta o in uno sconto per l’importo corrispondente alla detrazione.

Per quanto riguarda il Bonus vacanze i nuclei familiari con profilo ISEE non superiore a 40 mila euro possono usufruire fino a 500 euro per il pagamento di strutture ricettive in estate. Il bonus è riservato anche coppie senza figli o singole, ma parametrato a 300 o 150 euro. 

Per le aziende si profila invece un fondo perduto a sostegno della ripresa economica, e tale passerà anche dalla sospensione dell’IRAP. Per le PMI e i titolari di partita Iva che nel mese di aprile 2020 hanno avuto un fatturato inferiore ai 2/3 rispetto al 2019 c’è l’accesso a crediti a fondo perduto, mentre il Fisco sospende il versamento del saldo 2019 e la prima rata dell’acconto 2020 dell’IRAP.

Sono previsto bonus anche per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo fino al 60% del canone di locazione versato per i mesi di marzo, aprile e maggio 2020. Infine sono sospese tutte le cartelle esattoriali e le relative attività di recupero crediti fino al 31 agosto. La sospensione riguarda anche la notifica di nuove cartelle e degli altri atti di riscossione.