fase-2-multe

La quarantena che per ben due mesi ci ha tenuti chiusi dentro casa, sembra avere preso una nuova direzione. Dal 4 maggio infatti, è iniziata la famosa e tanto attesa Fase 2 che permette la riapertura di alcuni negozi, nonché la possibilità di visitare i propri parenti e congiunti.

Quello che però ad alcuni sfugge, è che l’allentamento delle restrizioni non dipende affatto da un abbassamento del rischio di contagio, bensì dalla necessità di far ripartire il Paese. Cosa significa questo concretamente? Sebbene alcune libertà ci sono state concesse di nuovo, Èè molto importante prestare attenzione a tutte le norme di sicurezza utili e obbligatorie. I controlli sono ancora attivi ed esistono ancora una serie di sanzioni per tutti coloro che non rispettano le misure di sicurezza.

Fase 2: sanzioni amministrative da emergenza Covid-19, ecco in cosa consistono

Le sanzioni amministrative previste, sono comprese tra i 400 e i 3000 euro. Se lo spostamento avviene alla guida di un veicolo, o si tratta di una recidiva, la multa aumentata di un terzo. Inoltre sono previste conseguenze penali per coloro che dichiarano il falso nel modulo di autocertificazione.

Ma quali sono le regole da rispettare in questo periodo? Al momento attuale è possibile uscire per reali necessità, quale può essere ad esempio la spesa, comprovate esigenze lavorative, di salute, per fare sport ed è possibile spostarsi da un comune all’altro nella stessa regione per potersi unire ai congiunti, all’interno delle proprie case. Per quanto riguarda gli spostamenti fuori dalla propria regione, sono possibili unicamente per ragioni di reale urgenza o per tornare al proprio domicilio o residenza. Bisogna attendere ancora per poter raggiungere le seconde case, vedremo delle settimane future come evolve la situazione.

Vi ricordiamo che per la sicurezza di voi stessi e degli altri, è assolutamente fondamentale usare la mascherina, lavarsi le mani e possibilmente utilizzare i guanti. Indossare la mascherina correttamente, implica coprire bene sia naso, che bocca. Tenerla sotto il mento è inutile e dimostra mancanza di rispetto verso chi vi circonda.