Trenitalia, Ferrovie dello Stato, RFI, Frecciarossa, Covid-19, Coronavirus, Fase 2

Grazie alla Fase 2, l’Italia sta iniziando a ripartire dopo il lockdown causato dall’epidemia di Coronavirus. Un punto cruciale del piano del Governo è la sicurezza dei cittadini e questo vale anche per coloro che si avvalgono dei trasporti pubblici per i propri spostamenti.

Per questo motivo, Trenitalia si impegna a garantire una serie di accortezze volte a tutelare tutti i viaggiatori e il personale. La modifica delle abitudini di viaggio non riguarda solo i trasferimenti in treno, ma anche la permanenza in stazione.

Il gruppo infatti ha avviato una serie di azione volte a garantire il rispetto delle norme nelle stazioni. Il distanziamento sociale sarà garantito grazie ad una apposita segnaletica e ad addetti dedicati al rispetto delle norme. Inoltre, in alcune stazioni, saranno presenti vari operatori il cui compito sarà quello di misurare la temperatura corporea dei viaggiatori.

Trenitalia vuole ripartire in sicurezza

I servizi di pulizia e sanificazione delle stazioni sono stati potenziali. Si è data particolare attenzione alle aree comuni e frequentate come biglietterie, FrecciaLounge e Sale Freccia. Sono stati posizionati anche vari dispenser di gel igienizzante. Inoltre, Trenitalia ha voluto puntare sulle biglietterie Self-Service al fine di ridurre i possibili contatti tra operatori e viaggiatori.

Anche i treni sono sottoposti a costante sanificazione per permettere a tutti i passeggeri di viaggiare in sicurezza. Anche nelle varie carrozze sarà possibile trovare dispenser di gel disinfettante per mani. I posti a sedere sono alternati mentre i posti non disponibili indicati da un apposito segnale di colore rosso.  Inoltre sono stati modificati i flussi in entrata e in uscita dalle carrozze per garantire un corretto accesso al treno e alla stazione.